“CESSATE IL FUOCO”: APPELLO DELLA RETE PER LA PACE

La Rete della Pace lancia un appello per fermare le guerre. Numerose le adesioni già raccolte tra associazioni, gruppi, movimenti e sindacati, tra cui la Cgil nazionale.
Da troppo tempo si muore in Siria, in Palestina, in Libia, in Egitto, in Iraq, nello Yemen, nella regione a maggioranza curda – recita l’appello – Il Medio Oriente ed il Mediterraneo si stanno trasformando in un immenso campo di battaglia. Ora il rischio della deflagrazione di un conflitto che coinvolga le super potenze mondiali è reale”.

continua a leggere

AEROPORTO DI TREVISO: LA FILT INTERVIENE SUL TEMA DELLA SICUREZZA

La Filt Cgil esprime preoccupazione a fronte dell’episodio avvenuto all’aeroporto Canova di Treviso che ha visto una persona priva di titoli di viaggio passare indisturbata tutti i controlli fino ad arrivare a bordo di un aereo diretto ad Amburgo. “Ciò – dice Federica Vedova, Segretaria regionale della Filt – evidenzia una carenza sul piano della sicurezza inaccettabile per i passeggeri e per gli stessi lavoratori”.
La Filt, per bocca del Segretario Generale di Treviso, Samantha Gallo, punta il dito contro la carenza di personale. “Il momento più critico – dice – è quando ci sono più voli contemporaneamente con i pochi addetti in turno che faticano a farvi fronte. Al punto che spesso si vedono persone in fila fino al piano sottostante”.

continua a leggere

RSU DEL PUBBLICO IMPIEGO: AL VOTO DAL 17 AL 19 APRILE

Ultima settimana di campagna della Fp e della Flc Cgil (funzione pubblica e settori della conoscenza) in vista delle elezioni per il rinnovo delle Rsu (Rappresentanze sindacali unitarie) nel pubblico impiego e nella scuola che si terranno il 17-18-19 aprile.

La festa di chiusura della campagna elettorale si farà a Mestre venerdì 13 aprile a partire dalle ore 15. L’iniziativa, in programma all’Auditorium della Provincia (in via Forte Marghera 191), è all’insegna delle parole d’ordine “democrazia, partecipazione, lavoro” e prevede la partecipazione di Christian Ferrari, Segretario Generale della Cgil del Veneto, Federico Bozzanca, Segretario nazionale Fp Cgil, Francesco Sinopoli, Segretario nazionale Flc Cgil, Maurizio Landini, Segretario nazionale Cgil.
Alla fine, concerto con Luca Bassanese & la Piccola Orchestra Popolare.

continua a leggere

POSTE: SCIOPERO IN TUTTI GLI SPORTELLI DEL VENETO

Sabato 31 marzo è sciopero in tutta la regione dei dipendenti delle poste impiegati agli sportelli (sono esclusi i postini addetti al recapito). La protesta è proclamata dalla SLC Cgil a livello ragionale per manifestare contro condizioni di lavoro ritenute “impraticabili perfino per l’apertura degli uffici postali e l’attività quotidiana”, a fronte della carenza di personale. La situazione, aggiunge la SLC è “particolarmente acuta nelle zone montane e pedemontane, in quei piccoli uffici dove i colleghi non ne possono più”.

continua a leggere

METALMECCANICI: VARATO UN DOCUMENTO PER LA SICUREZZA

Sala piena all’hotel Crowne Plaza di Limena per l’assemblea dei delegati (Rsu ed Rls) di Fiim Fiom Uilm del Veneto sui temi della sicurezza nel lavoro che si è conclusa con il varo di un documento su cui si baserà una nuova fase di iniziativa da sviluppare nei confronti delle imprese, degli organismi di vigilanza, delle istituzioni.
Alla ripresa, ha esordito aprendo i lavori il Segretario Generale della Fiom del Veneto, Luca Trevisan, non corrisponde un analogo incremento dell’occupazione più stabile e tutelata. E la sicurezza resta una piaga nel mondo del lavoro veneto.

continua a leggere

ISPETTORI DI INPS INAIL INL CRITICI SU AGENZIA ISPETTIVA

“Il decreto legislativo n. 149/2015, istituivo della agenzia Ispettorato Nazionale del Lavoro, ha prodotto una esperienza non positiva.” Lo dicono gli Ispettori di Inps Inail Inl del Veneto che questa mattina si sono riuniti in assemblea per valutare, a un anno dalla sua istituzione, la funzionalità della nuova agenzia unica ispettiva (INL) che unifica le funzioni ispettive di Inps, Inail e Ministero del Lavoro (ex Ispettorato). Già mesi fa la Fp Cgil aveva evidenziato problemi di coordinamento e uniformità nella gestione delle attività, stante che i 100 ispettori presenti nel Veneto rimangono (e sono destinati a rimanere) ognuno nella struttura di provenienza.

continua a leggere