POSTE: È SCIOPERO DEGLI STRAORDINARI

Venti giorni di sciopero degli straordinari alle poste in tutta la regione. Lo ha proclamato la slc-cgil del veneto dal 1 al 21 agosto e riguarderà tutti i settori.
I problemi, derivanti da carenze di personale, alto livello di precarietà e peggioramento delle condizioni di lavoro, vanno sempre più acuendosi e nell’estate si è passato il segno.

Di seguito il comunicato della Slc Cgil del Veneto

continua a leggere

PFAS: INCONTRO IN REGIONE MA OCCORRE PIÙ COLLEGIALITÀ

Sulla vicenda della Miteni si è svolto un nuovo incontro in Regione tra l’Assessore regionale all’Ambiente, Paolo Bottacin, e le segreterie venete e vicentine di Cgil Cisl Uil e di Filctem Cgil Femca Cisl Uiltec Uil.
Valutata la situazione, il sindacato chiede una riconvocazione del tavolo che però comprenda anche gli assessorati alla Sanità e al Lavoro, oltre che all’Ambiente, per affrontare nel suo complesso una questione che è indubbiamente complessa. Chiedono anche che per la parte aziendale sia chiamata la capofila del gruppo Icig di cui fa parte Miteni.

continua a leggere

BANCHE: TUTELA PER I LAVORATORI CHE NON CONFLUISCONO IN INTESA

In relazione alla vicenda delle banche Venete è intervenuta la Fisac Cgil regionale per chiedere la “massima tutela” per gli oltre 700 lavoratori che non fanno parte delle aziende confluite in Intesa San Paolo.

continua a leggere

#HELPRESTAURATORI, PARTITA LA MOBILITAZIONE

Cresce la mobilitazione dei restauratori per il riconoscimento della qualifica, atteso da 13 anni. Oggi, 21 luglio, hanno consegnato al Mibact una lettera indirizzata al Ministro Franceschini con la richiesta di un incontro urgente, mentre sui principali social hanno avviato la campagna #MessageInABottle e #HelpRestauratori.
Da Venezia, dove sono diverse centinaia i lavoratori interessati, è partita una lettera aperta che spiega la vicenda, anche sul piano personale, e le conseguenze che il mancato riconoscimento della qualifica comporta per la stessa tutela del patrimonio artistico.

continua a leggere

REFERENDUM VENETO: DOVE CI PORTA?

È fissato per il 22 ottobre il referendum del Veneto (oltre che della Lombardia) con il quale si pone il seguente quesito: “vuoi che alla Regione del Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?”.

Il costo della consultazione sarà di 14 milioni derivati dal bilancio regionale ed il referendum assume a riferimento giuridico l’articolo 116 della Costituzione che prevede che le Regioni a statuto ordinario possano acquisire una maggiore autonomia sulle materie di legislazione concorrente: materie sulle quali, cioè, le Regioni hanno già potestà legislativa tranne che per la determinazione dei principi fondamentali, riservati allo Stato. continua a leggere

EMERGENZA INCENDI: MANCANO 3.500 VIGILI DEL FUOCO

Con un presidio stamattina in piazza Montecitorio Cgil, Cisl e Uil chiedono più uomini e mezzi per il corpo dei vigili del fuoco, gravato da tempo da una carenza di organico che oggi diventa clamorosa a fronte dell’emergenza incendi.
In particolare il sindacato ritiene necessaria l’assunzione immediata di tutti gli idonei (circa 3.500) al concorso 814. Le risorse, dicono, possono essere stanziate in legge di stabilità.

continua a leggere