FINANZIARIA: AL VIA UNA CAMPAGNA DI ASSEMBLEE

Dopo il varo della manovra finanziaria non è ancora pervenuta alcuna risposta alla richiesta avanzata da Cgil, Cisl e Uil al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni di un incontro sulla legge di bilancio e sui temi della previdenza e del mercato del lavoro.
Parte così una campagna di mobilitazione delle tre confederazioni mediante assemblee in tutti i luoghi di lavoro, sia per confrontarsi con lavoratori e pensionati sia per sostenere la piattaforma unitaria.

Cgil, Cisl e Uil, che già hanno effettuato presidi in tutta Italia il 14 ottobre, chiedono più risorse sia per l’occupazione giovanile sia per gli ammortizzatori sociali, il congelamento dell’innalzamento automatico dell’età pensionabile legato all’aspettativa di vita, un meccanismo che consenta di costruire pensioni dignitose per i giovani che svolgono lavori discontinui, la riduzione dei requisiti contributivi per l’accesso alla pensione delle donne con figli o impegnate in lavori di cura. Sollecitano il governo, inoltre, a intervenire sull’adeguamento delle pensioni in essere, ad assicurare la piena copertura finanziaria per il rinnovo e la rapida e positiva conclusione dei contratti del pubblico impiego, a stanziare risorse aggiuntive per la sanità e il finanziamento adeguato per la non autosufficienza.

“Con la manovra il governo ha creato un vulnus rispetto all’intesa col sindacato sulle pensioni. La manovra non affronta i problemi della previdenza né quelli della sanità. Sarebbe un pessimo segnale dato al mondo del lavoro”. Così il segretario generale Cgil Susanna Camusso in una recente intervista al Corriere della Sera, ricordando che dopo la campagna di assemblee “saranno prese le necessarie risoluzioni. Certo, non possiamo star fermi in attesa di un incontro che non arriva”.

La leader sindacale ha rimarcato che la Cgil ha sempre detto di “voler cambiare la riforma Fornero, perché ci deve essere un equilibrio tra la messa in sicurezza dei conti e la giustizia sodale. Gentiloni ci ha detto, sbagliando, che applicherà la legge sull’adeguamento dell’età alla speranza di vita. Ma un edile o un minatore non hanno la stessa aspettativa di vita di un magistrato”.

Piattaforma di Cgil Cisl Uil sulla previdenza
Le richieste di Cgil Cisl Uil

Con le parole chiave , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati