METALMECCANICI ARTIGIANI: INTESA PER IL RINNOVO CONTRATTUALE

C’è l’accordo per il rinnovo contrattuale dei lavoratori dipendenti dalle imprese artigiane dei settori metalmeccanico, istallazione impianti, orafi, argentieri e odontotecniche. Il contratto interessa 500.000 lavoratori e 250.000 aziende. La sua parte normativa era scaduta il 31 dicembre 2012, mentre per quella economica era stato sottoscritto un accordo ponte per una parziale copertura degli anni 2013 e 2014.
L’intesa raggiunta riguarda molti punti, a partire dalla sfera di applicazione del contratto, fino a tutta la parte normativa, all’orario di lavoro e alla parte economica.

In particolare, sono stati recepiti gli accordi interconfederali relativi al Fondo solidarietà bilaterale artigiana, così come l’assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori (Sanarti) a totale carico delle imprese, con la possibilità di estensione ai familiari.
Si modifica, dimezzandolo, il tempo di intervallo tra un contratto a termine e il successivo.
Riguardo all’orario di lavoro si introduce la possibilità di fruire dei permessi residui (ex festività) fino al 30 aprile dell’anno successivo; in alternativa, il lavoratore potrà volontariamente conferirli nella banca ore.
Inoltre, in alternativa a quanto già previsto dal ccnl in materia di flessibilità oraria, e come definito ormai da tempo nel ccnl Uniomeccanica-Confapi, l’azienda potrà articolare l’orario di lavoro su una media di 40 ore nei 12 mesi, con limiti massimi settimanali di 45 ore e minimi di 35; per le ore effettuate oltre le 40 saranno riconosciute le maggiorazioni del 10% già previste.

Per quanto riguarda la parte economica, l’accordo porta dal 1° settembre l’indennità di trasferta a 35 euro, l’indennità di reperibilità a 13 euro per le 24 ore e a 7 euro per le 16 ore. I minimi tabellari vengono incrementati di 42 euro al quinto livello del settore metalmeccanico e istallazione di impianti, prendendo a riferimento l’inflazione del periodo 2015-18, pari al 3,2%. La stessa percentuale si applica a tutte le tabelle dei minimi di tutti i settori del ccnl (orafo, argentiero e odontotecnico).
a prima tranche, pari a 22 euro per il quinto livello, viene erogata a giugno 2018; la seconda, pari e 20 euro, a settembre 2018. Inoltre, è stata definita una una tantum di 299 euro per i periodi pregressi, da erogare in due parti, con le mensilità di giugno e ottobre 2018, rispettivamente di 150 e 149 euro.

Nel mese di maggio si terranno assemblee nei luoghi di lavoro e attivi territoriali per illustrare, discutere e validare i contenuti dell’accordo.

Con le parole chiave , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati