RINNOVATO IL CIRL PER GLI ADDETTI AI LAVORI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALE 

COMUNICATO SINDACALE

È stato siglato dalle Segreterie Regionali di Fai Cisl – Flai Cgil – Uila Uil congiuntamente a UNCEM e Regione del Veneto, rappresentata dall’assessore regionale Francesco Calzavara, il rinnovo del Contratto Integrativo Regionale per gli addetti alle Sistemazioni Idraulico Forestale e Idraulico Agraria per il quadriennio 2020-2023.  

Dopo la firma del contratto nazionale di settore avvenuta nel dicembre scorso, si aggiunge anche questo importante tassello della contrattazione regionale.   

La firma di questo contratto riconosce a tutti i lavoratori e lavoratrici del settore il valore della professionalità e l’essenzialità dei lavori che svolgono in tutta la Regione del Veneto nella prevenzione del rischio idrogeologico, della manutenzione del territorio, e della valorizzazione e manutenzione del patrimonio boschivo e litoraneo.  

Nello specifico i punti qualificanti di questo contratto sono:   

  • la formazione professionale assume un cardine importante come patrimonio collettivo di tutti i lavoratori e lavoratrici attraverso l’individuazione congiunta dei fabbisogni formativi di tutto il personale. Inoltre, viene istituito il curriculum formativo per ciascun dipendente che potrà essere consegnato su richiesta all’interessato;
  • È stato normato il trattamento dei lavoratori che saranno impegnati negli interventi in emergenze idrogeologiche e di Protezione Civile; 
  • il salario integrativo regionale a regime verrà aumentato mensilmente di 44 euro al Paramento 108 (operaio qualificato e II livello impiegati);
  • al fine di mitigare la sperequazione salariale tra lavoratori/trici impiegati provenienti dalla vecchia gestione dei Servizi Forestali, verrà introdotta una indennità pari a 100 euro quale indennità di funzione impiegato/a. La suddetta indennità verrà erogata anche ai nuovi assunti al termine del periodo di sperimentazione;
  • è stato rafforzato il principio del turn over stabilendo che la sostituzione dei lavoratori cessati a vario titolo verranno sostituiti entro tre mesi superando di fatto la prassi che vedeva questo meccanismo applicato annualmente;
  • la vigenza di questo Contratto sarà di 4 anni a decorrere dal 1° gennaio 2020 e scadrà il 31 dicembre 2023.


Come segreterie regionali – dichiarano Diego de Bortoli (Fai Cisl), Giosuè Mattei (Flai Cgil), Nicola Storti (Uila Uil) – esprimiamo grande soddisfazione per il risultato raggiunto, che si somma al rinnovo del CCNL appena un mese fa. In questa lunga trattativa non sono mancati momenti di tensione e difficoltà, ma siamo stati in grado di superarle grazie al supporto dei delegati/e e dei lavoratori/trici che ringraziamo; e perché siamo stati in grado di far comprendere alle controparti l’importanza e la strategicità di questo settore, la qualità degli interventi fin qui fatti sul territorio e la professionalità dei lavoratori/trici nello svolgere diligentemente i lavori”

“L’obiettivo prossimo da perseguire – concludono – sarà quello di superare le rigidità del numero di personale occupato presso l’Agenzia Veneto Agricoltura, per allargare gli ambiti lavorativi e per incidere maggiormente nella salvaguardia e messa in sicurezza di tutto il territorio Veneto“. 

Aborto sicuro, un diritto da conquistare

In occasione della Giornata internazionale, la Cgil promuove iniziative di sensibilizzazione non solo in difesa della legge 194, ma anche per chiedere strumenti e servizi

Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.