FUNZIONI LOCALI E SANITÀ IN AGITAZIONE IL 5 FEBBRAIO

Mobilitazione il 5 febbraio per sollecitare il rinnovo dei contratti nazionali delle Funzioni locali e della Sanità. Iniziative si svolgeranno in tutta Italia, mentre a Roma è previsto un presidio a palazzo Vidoni, sede del ministero della Pubblica amministrazione.
I segretari generali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, Serena Sorrentino, Maurizio Petriccioli e Michelangelo Librandi, hanno chiesto un incontro alla Ministra Marianna Madia in concomitanza con la giornata di lotta.

“Il confronto – scrivono i tre segretari generali – con il quale vanno avanti le trattative, dopo aver acquisito una disponibilità delle autonomie locali a procedere celermente e avendo già predisposto l’atto integrativo con la quantificazione delle risorse, per ciò che attiene le Funzioni locali e per la Sanità, ad avere registrato la volontà di trovare soluzioni normative ed economiche compatibili con l’accordo del 30 novembre, sta subendo uno stallo a nostro avviso ingiustificato”.

Una lettera di sostegno intanto è arrivata da parte di Epsu, il sindacato europeo dei “pubblici” il cui segretario generale, Jan Willem Goudriaan, dice: “speriamo otteniate un risultato positivo e che non ci sia ulteriore stallo nelle trattative per i nuovi accordi collettivi nel settore sanitario e del governo locale. Dopo otto anni senza alcuna contrattazione collettiva e dopo 14 mesi dall’accordo quadro del settore pubblico, non vi è alcuna giustificazione per i datori di lavoro e il governo nel ritardo per la firma degli accordi. Non vediamo l’ora di ricevere buone notizie sui risultati in modo da poterlo segnalare ai nostri affiliati in tutta Europa”.