ALTA VELOCITÀ VERONA VICENZA: LE OSSERVAZIONI DELLA CGIL

Le Cgil del Veneto, di Verona e di Vicenza hanno presentato al Responsabile Unico del Procedimento di Valutazione di impatto ambientale alcune considerazioni e osservazioni in merito all’avviso dell’avvio del procedimento finalizzato all’ottenimento della V.I.A. relativamente alla variante al progetto definitivo della linea ferroviaria Alta Capacità e Alta Velocità ferroviaria Verona Porta Vescovo – Bivio Vicenza.

In sintesi, la Cgil raccomanda “un progetto sobrio, attento ai costi, bisogni, tempi, condizioni generali, capace di dialogare con tutta la società veneta” e chiede di riformulare la Valutazione di Impatto Ambientale “che individui correttamente un adeguato confronto tra le diverse opzioni progettuali, mettendo a confronto le diverse soluzioni del tracciato tra loro e formulando scenari di previsione coerenti e rispettosi degli impatti cumulativi con altri piani o progetti ricadenti nell’area di intervento” e di valutare “la formulazione di un unico lotto funzionale Verona Porta Nuova-Padova Stazione centrale che tenga insieme tutta la progettualità definitiva e che consenta certezza di tempi di realizzo e di costi dell’opera”.

Qui il testo delle osservazioni