ALIMENTARISTI: RIPRESE LE TRATTATIVE. SOSPESO LO SCIOPERO DEL 29 GENNAIO

La mobilitazione ha pagato. Dopo la grande riuscita degli scioperi articolati azienda per azienda della settimana scorsa ed il blocco degli straordinari, si sono create le condizioni per la ripresa delle trattative per il rinnovo contrattuale dell’industria alimentare che interessa 400.000 lavoratori a livello nazionale di cui 35.000 in Veneto. Per il 2 febbraio è stata infatti convocata una nuova sessione negoziale che proseguirà ad oltranza.
A fronte di ciò lo sciopero di 8 ore, proclamato per il 29 gennaio, è stato sospeso.

Come si ricorderà, ad inizio di gennaio le trattative, dopo 14 incontri, si erano rotte a fronte del fatto che Federalimentare, oltre a negare una qualsiasi apertura circa tutta una serie di richieste sindacali, ha preteso una penalizzazione delle retribuzioni (eliminazione degli scatti di anzianità e del premio di produzione congelato), un aumento delle flessibilità, il depotenziamento della contrattazione di secondo livello.

La risposta compatta dei lavoratori che ha indotto anche alcune aziende a prendere le distanze dalle posizioni intransigenti dell’associazione datoriale ha ora prodotto la ripresa del negoziato che si auspica possa produrre passi in avanti. In caso contrario riprenderanno le iniziative di lotta.