ENERGIA E PETROLIO: SCIOPERO IL 28 OTTOBRE

Sciopero di 8 ore il 28 ottobre nel settore energia e petrolio con assemblee nei luoghi di lavoro. Lo hanno proclamato Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil dopo la rottura delle trattative a quasi un anno dalla scadenza del contratto.

La vertenza riguarda oltre 35 mila dipendenti dislocati in aziende come Eni, Snam, Saipem, Shell, Esso, Total, Fina, ecc., che sono già entrati in stato di agitazione con la conseguente sospensione di ogni prestazione straordinaria.

“Non è stato riconosciuto da Confindustria Energia – attaccano Emilio Miceli, Angelo Colombini, Paolo Pirani, rispettivamente segretari generali di Filctem, Femca, Uiltec  – un incremento salariale adeguato al recupero del potere d’acquisto delle retribuzioni”.
“Ci viene proposto – aggiungono –  un aumento di 65 euro per il triennio 2016-2018, esattamente la metà della richiesta (134 euro) avanzata in piattaforma”.

Ma non è il solo “pomo della discordia” tra l’associazione datoriale e i sindacati. “La rottura delle trattative – spiegano ancora Filctem, Femca, Uiltec – è anche dovuta alla proposta di Confindustria Energia di introdurre un nuovo e penalizzante sistema classificatorio legato alla valutazione della prestazione lavorativa in alternativa a quello attuale, oltre al mancato rispetto di impegni presi nel precedente rinnovo contrattuale sulla liquidazione dei 24mi delle quote degli scatti di anzianità maturate dai lavoratori che ne avevano diritto al 31 dicembre 2015”. “Peraltro – aggiungono – silenzio assoluto sulla nostra richiesta di incremento delle quote aziendali destinate al “welfare” integrativo pensionistico e sanitario (Fondenergia e Fasie)”.

Infine – denunciano i sindacati – sono in atto tentativi di revisione peggiorativa sulla parte normativa del contratto a proposito di diritti e mercato del lavoro. Per i lavoratori turnisti  c’è addirittura una richiesta esplicita di aumento delle giornate di lavoro e recupero economico sui trattamenti previsti. Sciopero inevitabile dunque.