ASSEMBLEA DELLE DONNE CGIL PER LA PARITÀ DI GENERE

“Belle Ciao”, l’assemblea nazionale delle donne della Cgil si terrà sabato 6 ottobre al Global Theatre di Villa Borghese a Roma per lanciare, come spiega Loredana Taddei della Cgil nazionale, “una piattaforma di genere”.
Il documento si basa su cinque punti: occupazione, disparità salariale, conciliazione e condivisione, welfare, molestie e violenze. “Sono i cinque macro-temi alla radice della mancata parità di genere – spiega la sindacalista – e hanno come filo conduttore il lavoro e il contrasto alle disuguaglianze. Viviamo in un sistema economico-sociale e culturale che penalizza le donne in modo particolare. Serve una svolta anche della nostra organizzazione che, come tutto il resto d’Italia e del mondo, è ancora troppo maschilista”.

Un tema, insomma, per il congresso della Cgil e proprio per questo, chiarisce Taddei, “non si tratta della piattaforma delle donne ma riguarda tutti, riguarda uomini e donne della nostra organizzazione”.
Secondo Eurostat, l’Italia insieme alla Grecia è il Paese in cui l’occupazione femminile è più bassa, ma su questo tema, osserva Taddei, “le prime politiche del nuovo governo sono molto preoccupanti. Abbiamo un ministro per la Famiglia conosciuto per le affermazioni contro le unioni civili, le famiglie omogenitoriali e per la sua fanatica ideologia antiabortista; e un esecutivo che sta lavorando per ridisegnare il diritto di famiglia, come dimostra lo scriteriato disegno di legge Pillon sull’affidamento dei figli: un’assurda proposta maschilista con un’idea di famiglia anni ‘50”.
Un provvedimento “pericoloso e iniquo” e per questo, aggiunge Taddei, “abbiamo inoltrato al governo proprio la richiesta di un’audizione urgente presso la commissione Giustizia del Senato. Stessa cosa hanno fatto le associazioni e i centri antiviolenza, i quali hanno anche lanciato una petizione su change.org.

Il testo della piattaforma

Con le parole chiave , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati