UN NUOVO CONTRATTO PER QUADRI E IMPIEGATI AGRICOLI

Dopo un anno di confronto, in una situazione economica generale del Paese non facile, si è riusciti a rinnovare il contratto nazionale dei circa 20.000 tra Quadri e Impiegati Agricoli.

“Si tratta di un rinnovo che arriva a più di un anno dalla sua scadenza”, sottolinea Davide Fiatti della Flai CGL Nazionale che entra quindi nel merito dei contenuti dell’accordo. “Per il biennio 2016-2017 – dice – si è ottenuto un aumento della retribuzione del 2,5%, tutelando in questo modo il potere di acquisto.
Si è anche aumentato di 50 euro annui il contributo che i datori di lavoro versano al Fondo Integrativo Sanitario per ogni lavoratore iscritto. Si sono poi mantenute delle norme contrattuali in modo più favorevole rispetto al jobs-act. Sono anche state migliorate varie norme sui congedi parentali e sono state respinte richieste delle aziende che tendevano a ridurre la fruizione delle ferie e diritti su vari altri argomenti.
Come Flai – conclude Fiatti – siamo soddisfatti dell’accordo raggiunto.