PROVINCE: IL 6 OTTOBRE SCIOPERO E MANIFESTAZIONE A VENEZIA

Sciopero e manifestazione a Venezia il 6 ottobre dei lavoratori di Province e Città Metropolitane. Un corteo si snoderà dal ponte di Calatrava ed attraverserà la città fino alla sede della Prefettura dove si terrà un presidio.
La giornata di lotta è stata indetta da Cgil Cisl Uil di categoria che denunciano una situazione disastrosa e chiamano in causa il Governo, che non può più “temporeggiare rispetto ad una situazione che merita un intervento straordinario a partire dalla prossima legge di bilancio”, è la Regione Veneto che deve “attivarsi urgentemente per attuare il riordino istituzionale trovando adeguate soluzioni e risorse per il rilancio di tutti i servizi pubblici”.

Le organizzazioni sindacali denunciano i problemi che si stanno accumulando, con effetti negativi sui servizi e sul personale, compresi in particolare, nel Veneto, gli addetti ai Centri per l’impiego ed alle polizie provinciali.

“L’approvazione del decreto enti locali e la sua conversione in legge – scrivono in una nota Fp Cgil, Fp Cisl, Fpl Uil del Veneto – ha rappresentato l’ennesima occasione persa per poter porre rimedio alle politiche disastrose che hanno messo in ginocchio Province e Città Metropolitane. Mancano le risorse necessarie per garantire servizi essenziali e risulta problematica la situazione del personale transitato in altri enti.
Qualora la prossima legge di bilancio non riuscisse a risolvere questi problemi ci sarebbero pesantissime ricadute sull’insieme di servizi in capo agli enti in questione, nonché sul personale che sta pagando i tagli fatti in termini di un peggioramento delle condizioni di lavoro.

In Veneto inoltre – proseguono le organizzazioni sindacali – pesa l’immobilismo della Regione per il mancato processo di riordino istituzionale che pregiudica l’attività delle Province e della Città metropolitana di Venezia bloccando la riorganizzazione di questi enti.
Imbarazzante e grave è la situazione per il personale dei Centri per l’impiego e per le Polizie provinciali per i quali non si vedono soluzioni immediate.
Riteniamo che il Governo non possa più temporeggiare rispetto ad una situazione che merita un intervento straordinario a partire dalla prossima legge di bilancio e che la Regione Veneto debba attivarsi urgentemente per attuare il riordino istituzionale trovando adeguate soluzioni e risorse per il rilancio di tutti i servizi pubblici.
Siamo al collasso delle Province e delle Città Metropolitane, servono risorse per consentire l’erogazione dei servizi pubblici ai cittadini e per tutelare i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori”.

Aborto sicuro, un diritto da conquistare

In occasione della Giornata internazionale, la Cgil promuove iniziative di sensibilizzazione non solo in difesa della legge 194, ma anche per chiedere strumenti e servizi

Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.