PENSIONI – FISCO – LAVORO – SVILUPPO SOCIALE: CGIL, CISL E UIL DEL VENETO

SABATO 20 NOVEMBRE IN PIAZZA FERRETTO A MESTRE

PER CAMBIARE UNA MANOVRA DI BILANCIO INADEGUATA 

Mestre-Venezia, 17 novembre 2021 – Sabato 20 novembre, a partire dalle ore 10.30, si terrà una manifestazione sindacale regionale unitaria in piazza Ferretto a Mestre, per cambiare la Legge di Bilancio. 

L’appuntamento è previsto alle 9.30 presso il Monumento ai Marinai di via Pepe, da cui partirà il corteo delle lavoratrici e dei lavoratori, delle pensionate e dei pensionati che sfocerà nella piazza.
Interverranno dal palco delegate e delegati Rsu e Rls dei diversi settori produttivi. Prenderanno parola i segretari generali di Uil e Cgil del Veneto Roberto Toigo Christian Ferrari. Concluderà Luigi Sbarra, segretario generale della Cisl nazionale.  
La mobilitazione, che vede nella manifestazione di sabato un primo momento e accompagna le assemblee sindacali che si stanno tenendo nei luoghi di lavoro, chiede al Governo e al Parlamento risposte sui temi delle pensioni, del fisco, del lavoro, dello sviluppo sociale.  Al centro delle richieste rivolte da Cgil, Cisl e Uil alle Istituzioni e alla politica ci sono le donne, i giovani, tutto il mondo del lavoro, le pensionate e i pensionati. 

L’unità sindacale e l’annuncio della campagna di mobilitazioni – dichiarano Christian Ferrari (segretario generale Cgil Veneto), Gianfranco Refosco (segretario generale Cisl Veneto) e Roberto Toigo (segretario generale Uil Veneto) – ha già prodotto un risultato: convincere il Governo ad aprire il confronto per cambiare la manovra di bilancio e modificare la Legge Fornero. Ne è prova l’incontro positivo di martedì sera con il presidente Draghi. Adesso, però, la disponibilità sulle nostre richieste deve trasformarsi in scelte concrete. Siamo ancora lontani dall’uscita dalla pandemia e il lavoro è tuttora in sofferenza, nonostante il significativo rimbalzo del Pil. Rischiamo una crescita senza occupazione, o con la creazione di posti di lavoro esclusivamente precari. Per evitarlo, non ci sono alternative a cambiare modello di sviluppo. Un cambiamento reso necessario dalla transizione digitale in corso e dalla conversione ecologica che non possiamo più permetterci di rinviare. Dobbiamo rimettere al centro della politica economica il lavoro stabile e di qualità, soprattutto per le donne e per i giovani, che non possono essere utilizzati strumentalmente alimentando un conflitto generazionale senza senso. Per il lavoro dei giovani e delle donne, per migliorare il loro posto nella società, servono provvedimenti concreti già nella legge di bilancio: vanno migliorate le condizioni del loro lavoro e vanno migliorate le loro tutele previdenziali L’Italia è l’unico paese europeo che ha visto negli ultimi decenni una diminuzione di tre punti dei salari, che, senza adeguati interventi fiscali di sostegno, saranno ulteriormente indeboliti dagli aumenti dei prezzi, delle tariffe e delle bollette. Il welfare è stato definanziato e destrutturato per anni, va ricostruito per rispondere alle ferite sociali del nostro tempo, che il Covid ha ulteriormente lacerato. La previdenza va riformata per riconoscere i diritti di chi ha lavorato per una vita e merita di poter scegliere, da un certo punto in poi, quando andare in pensione. Per tutto questo ci mobilitiamo e non ci fermeremo finché non otterremo risultati tangibili per le persone che rappresentiamo”.