La Cgil del Veneto con il Sindacato dei giornalisti: contro la precarietà e per il pluralismo dell’informazione

La CGIL del Veneto ha partecipato oggi al direttivo straordinario del Sindacato Giornalisti regionale, che si è tenuto a Venezia, in campo san Geremia.

Siamo al vostro fianco – ha dichiarato Nicola Atalmi, segretario generale della SLC CGIL Veneto, prendendo la parola a nome anche della Confederazione – a tutela delle lavoratrici e dei lavoratori e a difesa di un settore decisivo per la qualità della nostra democrazia.

Sono tante le questioni aperte, e vanno tutte affrontate e risolte positivamente.

Esiste il pericolo per le Tv locali del nostro territorio di rimanere oscurate per mesi a causa dell’imminente switch off tecnologico, se il passaggio non sarà gestito nel modo giusto.

C’è un problema sempre più drammatico di precarizzazione del lavoro giornalistico, che danneggia in particolare le nuove generazioni. Come sempre in questi casi, non si tratta solo di diritti sociali fondamentali negati, ma anche di libertà, che per i giornalisti coincide con l’indipendenza dal potere politico ed economico.

Infine, va posto il tema dei criteri con cui vengono distribuite le risorse per l’editoria, che interessano anche le emittenti locali. Vanno assegnate a chi fa davvero informazione, e non usurpate da chi finge di farla riempiendo il palinsesto di trasmissioni esclusivamente commerciali.

Su tutto ciò vanno chiamate in causa le Istituzioni locali, ma anche quelle regionali, che hanno importanti compiti di vigilanza e altrettanti doveri di sostegno al comparto dei media veneti, particolarmente ricco di presenze e di esperienze.

Il pluralismo, la dignità del lavoro, una prospettiva di superamento della crisi e di crescita sono obbiettivi che non riguardano solo una parte, ma l’intera società, che ha tutto l’interesse a favorire un’informazione libera e indipendente”.

Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.