La Cgil del Veneto aderisce al “Presidio regionale per la pace e la giustizia in Palestina”

La CGIL del Veneto aderisce al “Presidio regionale per la pace e la giustizia in Palestina” che si terrà sabato mattina, 22 maggio, in piazza Cavour a Padova.

“Consideriamo – dichiara Silvana Fanelli, segreteria confederale CGIL Veneto – molto positivo il cessate il fuoco deciso la scorsa notte. Ma sarebbe un grave errore accontentarsi di questa tregua, perché il rischio che tornino presto o tardi a parlare le armi è concretissimo. Occorre che la comunità internazionale si adoperi fin da subito per mettere le parti intorno a un tavolo di pace, che riconosca il diritto a uno stato e a una vita dignitosa dei cittadini palestinesi, e la sicurezza di Israele. L’ultimo conflitto ha avuto conseguenze drammatiche e inaccettabili sulla popolazione civile palestinese, con un numero enorme di morti, molti dei quali bambini, senza contare le case distrutte e l’ulteriore peggioramento delle condizioni di vita di una comunità già in enorme difficoltà. Ci sono state vittime anche tra i cittadini israeliani. Tutto questo ha allontanato ancor di più le possibilità di convivenza. È ora di dire basta alla guerra, alla violenza, alla sopraffazione, alla palese violazione delle risoluzioni internazionali, alla negazione dei più elementari diritti civili e sociali. È ora di trasformare in realtà l’aspirazione alla pace di tutte le persone che non hanno nulla da guadagnare da una situazione di tensione permanente, che ha conseguenze negative non solo su quelle terre, ma su tutto il Medio Oriente e sulle stesse possibilità di dialogo interreligioso nelle nostre società”. 

Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.