GOMMA PLASTICA: SCIOPERO E MANIFESTAZIONE A MILANO

Con 16 ore di sciopero (di cui 8 a livello nazionale e 8 a livello territoriale da tenersi entro il 31 gennaio) ed una manifestazione a Milano, sotto la sede della Federazione Gomma Plastica, il 15 gennaio, Filctem, Femca e Uiltec rispondono a quello che definiscono uno scontro cercato e voluto da Confindustria che, con una interpretazione unilaterale del contratto, opera un’inaccettabile espropriazione nei confronti dei lavoratori.

“I lavoratori – dicono le organizzazioni sindacali – saranno compatti nella difesa dei loro diritti. Non sono, infatti, i 19 euro nella tranche di gennaio la posta in gioco, ma il valore e il rispetto del contratto nazionale che Confindustria evidentemente non vorrebbe più.
A pagare sono gli stessi lavoratori e le aziende, ree di sostenere queste posizioni autoritarie della Federazione gomma plastica (ma leggasi Confindustria), che a tutte le nostre proposte di mediazione ha risposto con un ingiustificato diniego”.

“L’interpretazione della controparte datoriale dell’articolo 70 del contratto – aggiungono Filctem, Femca e Uiltec – è un’espropriazione del differenziale, non un accordo, e un’espropriazione non è accettabile”.

“Noi – spiega Marco Falcinelli, della segreteria nazionale Filctem – il contratto lo rispettiamo fino in fondo. La Federazione della gomma plastica non può pensare di far sparire i 19 euro che appartengono all’aumento complessivo del contratto nazionale e che spettano ai lavoratori. Altre categorie hanno individuato una soluzione intelligente, nel rispetto del contratto e delle relazioni industriali. Dimostrazione di buon senso, che la nostra controparte sembra non avere”.

“La Federazione della gomma-plastica – spiega dal canto suo Emilio Miceli, segretario generale della Filctem – con la sua chiusura al confronto sulle verifiche inflattive, pensa di cambiare la natura del contratto stesso per assecondare Confindustria e ricondurre l’insieme dei contratti dell’industria sotto l’influenza del contratto dei metalmeccanici. In viale dell’Astronomia immaginano di alleggerire il contratto nazionale e di cambiarne le radici unificandolo: un minimo salariale per tutti, legandolo esclusivamente all’inflazione, in un momento in cui l’inflazione è nulla. L’aumento salariale non è fatto solo d’inflazione, non è automatico e va negoziato”.

La Cgil Veneto contro le trivellazioni in Adriatico

No alle trivellazioni in Alto Adriatico, Sì all’attuazione del piano energetico regionale che punta su decarbonizzazione ed efficienza energetica. Dichiarazione di Tiziana Basso, segretaria generale

Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.