FINCANTIERI: TUTTO IL CANTIERE IN SCIOPERO

FincantieriL’AZIENDA RITIRI LA PROPOSTA INDECENTE!  Si è svolto nella giornata sdi mercoledì 25 marzo (per tutti i turni di lavoro) lo sciopero alla Fincantieri di Porto Marghera che ha registrato un’ adesione pressoché totale sia dei dipendenti diretti che di quelli degli appalti.

A Marghera è la seconda iniziativa di mobilitazione dopo lo sciopero immediato al termine dell’assemblea generale in cui la Rsu ha illustrato – il 22 marzo – la proposta presentata dall’ azienda in sede di rinnovo dell’ integrativo con cui chiede un abbassamento delle retribuzioni e dei diritti, ulteriore espansione degli appalti e delle esternalizzazioni, mano libera su turni ed orari e penalizzazioni per i nuovi assunti.

“Oggi – dice la Fiom metropolitana di Venezia – il cantiere si è svuotato. Operai, impiegati e tecnici, hanno incrociato le braccia presidiando tutti gli ingressi dello stabilimento e paralizzando tutte le attività produttive.

La straordinaria e totale partecipazione dei lavoratori di Marghera allo sciopero indetto dalla RSU dimostra che i lavoratori sono determinati a respingere le indecenti richieste avanzate dall’azienda sull’integrativo aziendale.

L’azienda – aggiunge la Fiom – deve comprendere che non sarà possibile avviare una trattativa per peggiorare le condizioni di lavoro: per questo la Fincantieri deve ritirare la contro piattaforma aziendale e aprire al più presto un vero negoziato sulla base delle proposte contenute nella piattaforma sindacale approvata dalla maggioranza dei lavoratori del gruppo”.

Intanto sulla vicenda è intervenuta con una nota durissima (leggi il comunicato) la Fiom nazionale che denuncia come in Fincantieri tra gli appalti vi sia un “concentrato di illegalità, lavoro nero ed evasione fiscale e contributiva” e chiede “al Governo Renzi ed alle istituzioni di intervenire”. Inoltre la Fiom “respinge i comunicati aziendali apparsi negli stabilimenti” e definiti “veri e propri tentativi di intimidazione”.

 

La Cgil Veneto contro le trivellazioni in Adriatico

No alle trivellazioni in Alto Adriatico, Sì all’attuazione del piano energetico regionale che punta su decarbonizzazione ed efficienza energetica. Dichiarazione di Tiziana Basso, segretaria generale

Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.