CAMERE DI COMMERCIO, RIPARTE LA MOBILITAZIONE

Dura critica del sindacato al Decreto del Consiglio dei Ministri sulle Camere di Commercio, in attuazione della riforma Madia. Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl rilanciano la mobilitazione contro un provvedimento che non solo non tiene conto delle proposte sindacali, ma nemmeno del lavoro parlamentare.

Nei fatti, scrive il sindacato, con questo Decreto vengono “rigettati molti dei pareri offerti dal Parlamento di modifica del provvedimento di riforma delle Camere di Commercio”. Si tratta, secondo Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, di “un ennesimo atto di superbia da parte del governo, e in particolare del Ministero dello Sviluppo Economico, che nel corso di questi mesi non ha ritenuto d’incontrarci, che sottende un pesante e pericoloso sgarbo istituzionale e che, soprattutto, svela il disegno dietro questo provvedimento: non si tratta di una riforma, ma di una vera e propria controriforma, con il solo obiettivo di smantellare il sistema camerale.

Dal testo del decreto legislativo di riforma delle Camere di Commercio, approvato dal Consiglio dei Ministri in secondo esame preliminare – proseguono Cgil Cisl e Uil di categoria – si evince chiaramente come l’intento del governo non sia quello di riformare e rilanciare il sistema camerale, esigenza da noi condivisa, ma di dismetterlo. Un provvedimento che, nonostante i pareri offerti dalle commissioni e dagli enti interessati, si conferma sbagliato e che non determina alcuna prospettiva positiva, non solo per i lavoratori coinvolti, ma per i territori, e il bisogno che in questi si rilanci lo sviluppo e la crescita”.

Quello di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl è “un giudizio netto”, e per questo, dicono, “rilanciamo la dura mobilitazione di tutto il personale delle Camere di commercio, perché il decreto nei suoi prossimi passaggi cambi radicalmente. Il governo deve tornare sui suoi passi e recepire le proposte che abbiamo fatto, e che il Parlamento ha accolto, a partire dalle necessarie misure di salvaguardia dei livelli occupazionali”.