ANCORA CODE IRRISOLTE NELLA VICENDA DEI FORESTALI VENETI

Fatta la delibera, gli stipendi non si possono ancora pagare perché non c’è l’adeguamento del programma informatico. Mercoledì alle 10,30 un nuovo presidio davanti a palazzo Ferro Fini in occasione della convocazione dell’ ultimo consiglio regionale.

Il problema lo spiegano i Segretari regionali di Cgil Cisl Uil di categoria nella richiesta di incontro inviata al Presidente Ruffato.

Questo il testo:

Egregio Presidente

IL 6 maggio saremo davanti a Palazzo ferro Fini, in calle larga 22 marzo, con i forestali. Chiediamo a Lei e a quanti sono disponibili dei capigruppo di poterci ricevere durante la seduta del Consiglio.

La rabbia dei lavoratori è forte: da 4 mesi senza stipendio con i soldi previsti in bilancio e bloccati da un programma informatico derivante dalla legge 118/2011. Forse solo a fine mese avranno i primi soldi. Ormai la politica non può fare molto, ma la volontà di esprimere ancora una volta protesta e preoccupazione per il futuro di questo settore che ogni anno soffre di ritardi e burocrazia è forte. Per questo vogliamo tutti assieme spiegare alla politica di oggi e di domani che quello che sta accadendo non deve più succedere: a partire dall’approvazione dei bilanci nei tempi previsti dalla legge e ad una burocrazia più semplice che consenta di ricevere lo stipendio in tempi normali.

Per questo, anche se sappiamo essere l’ultimo consiglio della legislatura, vogliamo incontrarla per ribadire ancora una volta che così non si può vivere, dobbiamo tutti assieme farci carico di una attenzione maggiore ai problemi delle persone, grazie e arrivederci

Renzo Pellizzon – Andrea Zanin – Nicola Storti

Segretari Generali  Flai Cgil-Fai Cisl-Uila Uil del Veneto