AGENZIA DELLE ENTRATE, ASSEMBLEE E PRESIDI

Con un ciclo di assemblee fino al 19 settembre ed una serie di presidi e manifestazioni, riprende la mobilitazione del personale dell’Agenzia delle entrate.
In particolare Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Pa, Unsa/Salfi e Flp hanno organizzato per giovedì 14 settembre un presidio davanti alla direzione generale dell’Agenzia a Roma, cui seguirà, il 19 settembre, una manifestazione dinanzi al ministero dell’Economia.
La protesta, spiegano i sindacati, è indetta “per superare le immotivate resistenze dell’Agenzia”. La vertenza mette al centro delle rivendicazioni “la valorizzazione del personale, non solo per ridare dignità al lavoro svolto, ma anche per contribuire a una migliore qualità ed equità dell’azione dell’Agenzia”.

In particolare, Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Pa, Unsa/Salfi e Flp chiedono “interventi risolutivi per un complessivo miglioramento ed efficientamento dei servizi fiscali, attraverso significativi investimenti sul personale e sulle strutture, e per ridare consistenza al Fondo di produttività, allo scopo di garantire il riconoscimento delle attività svolte e i risultati raggiunti in termini di contrasto all’evasione e di tax compliance”.
I sindacati chiedono anche di intervenire per dare vita a “una nuova stagione di progressioni economiche che valorizzi tutto il personale”, e per “rilanciare la partecipazione e il confronto sui processi di riforma che non possono essere assunti unilateralmente dai vertici e non devono essere l’ennesima occasione per depotenziare e indebolire la macchina fiscale”.