Sciopero e presidio dei lavoratori della Ecomultiservice del Ferrotel di Mestre

Martedì 6 settembre sciopereranno i lavoratori della Ecomultiservice che operano presso il Ferrotel di Mestre, occupandosi dell’accoglienza dei clienti e della pulizia. Si tratta di un appalto delle Ferrovie dello Stato, che hanno deciso di chiudere la struttura di Mestre in cui pernottano i lavoratori dell’azienda in trasferta. La Ecomultiservice non offre alternative ai lavoratori, che rischiano il licenziamento.

Dalle ore 15.30 alle ore 17 ci sarà un presidio dei lavoratori e dei rappresentanti sindacali fuori dall’IMC, in via Parco Ferroviario a Marghera.

Da parte aziendale – dichiara Alessio Bianchini (coordinamento regionale ferrovieri Filt Cgil Veneto) – non sono state fornite soluzioni in merito alla continuità lavorativa dei dipendenti impegnati nel Ferrotel di Mestre. È necessario trovare, per i lavoratori coinvolti, un’alternativa, considerando anche la ricollocazione del personale in altri appalti presenti nel territorio in gestione alle Ferrovie dello Stato. Andiamo incontro a un autunno difficile e non possiamo permetterci di perdere posti di lavoro a cuor leggero, soprattutto per mano di aziende pubbliche che dovrebbero avere nell’occupazione di qualità uno dei loro obbiettivi fondamentali”.

Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.