Salviamo il sociale, manifestazione regionale il 29 novembre a Venezia

Dopo lo shock della pandemia, nella turbolenza internazionale scatenata dall’invasione russa dell’Ucraina, l’instabilità economica e la repentina crescita dell’inflazione condannano sempre più persone alla povertà anche nella nostra Regione e il sistema di welfare territoriale (pubblico e privato) viene messo fortemente in discussione.

Case di riposo, asili nido, scuole materne, scuole di formazione professionale, centri residenziali e diurni, edilizia residenziale pubblica, sono tutte realtà indispensabili per garantire alle famiglie venete un welfare di qualità. Tutte queste strutture, sotto pressione per lo stratosferico aumento dei costi dell’energia e di altre spese fisse, con il problema di personale carente e senza risorse per valorizzarlo in maniera dignitosa, rischiano di non reggere, di dover aumentare le rette peggiorando ulteriormente i bilanci delle famiglie venete, o di ridurre i servizi e le prestazioni.

ALLA REGIONE VENETO CHIEDIAMO PERTANTO UN INTERVENTO URGENTE A SALVAGUARDIA DELLA TENUTA DEL SISTEMA SOCIALE, GIÀ CON LA LEGGE DI BILANCIO 2023 ATTUALMENTE IN DISCUSSIONE.

SERVE UNO STANZIAMENTO DI RISORSE AGGIUNTIVE IN AMBITO SOCIALE PER:
– coprire e neutralizzare l’aumento delle rette di residenze per anziani, asili nido, strutture assistenziali per la disabilità e le diverse fragilità
– incentivare assunzione, stabilizzazione e valorizzazione del personale (in particolare infermieristico e OSS) nelle RSA, nelle Ipab, nei Centri Diurni e nell’Assistenza Domiciliare
– sostenere le famiglie che si fanno carico della cura dei familiari disabili e/o non autosufficienti
– prevedere aiuti straordinari per le famiglie in difficoltà, incrementando il Fondo per gli Affitti e sostenendo le spese di riscaldamento ed elettricità.

VOGLIAMO INOLTRE UN IMPEGNO CERTO PER LA RIFORMA DELLE IPAB
Ormai il Veneto è l’unica Regione in Italia a non aver provveduto alla riforma. Vogliamo le Ipab pubbliche e integrate nei sistemi socio sanitari territoriali.

PER UN VENETO SOLIDALE,
PERCHÉ NESSUNO RESTI INDIETRO
SERVE INTERVENIRE SUBITO

Vedi il volantino della manifestazione

La Cgil del Veneto torna a Job&Orienta

Silvana Fanelli: “E’ una importante occasione per far conoscere la nostra organizzazione e, soprattutto, per raccogliere le aspettative delle nuove generazioni“. Dopo molto tempo di

Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.