MILLE DELEGATI FIM FIOM UILM MERCOLEDÌ A VICENZA CON BENTIVOGLI, LANDINI, PALOMBELLA

attivo fim fiom uilmCi saranno i tre segretari generali di Fim, Fiom, Uilm, Marco Bentivogli, Maurizio Landini, e Rocco Palombella all’attivo di mercoledì 6 aprile a Vicenza (ore 9,30 al Centro Congressi della Fiera).
La riunione, cui sono attesi oltre 1.000 delegati veneti, è organizzata unitariamente (dopo 8 anni) dai sindacati dei metalmeccanici di Cgil Cisl Uil in vista dello sciopero della categoria (oltre 240.000 i lavoratori interessati in regione) per il rinnovo del contratto nazionale, a fronte di una trattativa che vede Federmeccanica arroccata su posizioni che nei fatti negano il doppio livello di contrattazione (nazionale e decentrato) e prevedono un meccanismo di erogazione degli aumenti salariali che di escluderebbe il 95% dei lavoratori.

Una posizione inaccettabile che ha ricompattato la protesta dei sindacati i quali chiedono “un contratto collettivo che garantisca il reale potere di acquisto del salario, qualifichi le relazioni industriali, estenda la contrattazione di secondo livello, migliori le condizioni di lavoro, tuteli tutte le forme di lavoro, faccia ripartire gli investimenti e una nuova politica industriale”.
A sei mesi dall’avvio del negoziato (e già 13 incontri) la situazione sembra in una fase di stallo, mentre Federmeccanica ha aggiunto sul piatto delle proprie pretese un arretramento sulla fruizione dei permessi individuali dei lavoratori appropriandosi di un diritto che nemmeno le compete.
Con la convinzione che sul contratto dei metalmeccanici si giochi una partita che va al di là dello stretto ambito categoriale e riguarda il futuro della contrattazione in Italia, Fim, Fiom, Uilm hanno proclamato una prima giornata di sciopero (4 le ore di astensione dal lavoro) per il 20 aprile con manifestazioni territoriali.

L’attivo di Vicenza partirà da qui, riprendendo il dibattito svoltosi in questi giorni in moltissime assemblee nei luoghi di lavoro (altre ne seguiranno) da cui è emersa una grande determinazione a far cambiare idea a Federmeccanica e conquistare un buon contratto.