CGIL VENETO
Confederazione Generale Italiana del lavoro Veneto

Cerca
Close this search box.

Elezioni Consiglio Superiore Pubblica Istruzione (cspi): in Veneto la Flc Cgil con le liste “CGIL valore scuola” si conferma il primo sindacato

Elezioni Consiglio Superiore Pubblica Istruzione (cspi): in Veneto la Flc Cgil con le liste “CGIL valore scuola” si conferma il primo sindacato

si conferma il primo sindacato nelle province di Verona, Padova, Vicenza, Treviso, e a livello regionale il primo sindacato nella secondaria di 1° grado con 1.308 voti, e nella scuola secondaria di 2° grado con 1.626 voti, secondo sindacato nelle province di Rovigo, Belluno, Venezia.“Siamo molto soddisfatti del risultato – dichiara Marta Viotto, Segretaria Generale della FLC CGIL Veneto – perché si è trattato di una competizione elettorale complessa per l’elevato numero delle liste presenti (fino a 19 liste), e per la strumentalizzazione messa in atto da alcune sigle sindacali sul rinnovo del CCNL, sottoscritto pochi mesi fa.

La coerenza, la trasparenza e la correttezza che distingue il nostro agire e la nostra organizzazione, sempre attenta e attiva nella difesa della scuola della Costituzione e del suo personale, contro ogni forma di privatizzazione e di divisione del sistema pubblico nazionale d’istruzione, sono la cifra del successo della CGIL nei luoghi di lavoro della conoscenza”.

Alle elezioni del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione la FLC CGIL ha ottenuto 6. 677 voti su 28.278 voti: oltre200 in più della scorsa elezione del CSPI risalente al 2015, confermandosi il primo sindacato nelle province di Verona, Padova, Vicenza, Treviso”.

Il CSPI è un organismo di garanzia che esprime pareri sui provvedimenti che il Ministero intende adottare e spesso, in questi anni, ha contrastato quelle norme che abbiamo giudicato inadeguate per la scuola pubblica. Ultima in ordine di tempo, la norma sulla filiera tecnologico professionale e la riduzione di un anno del percorso scolastico.

I votanti sono stati complessivamente 28.278.

I voti complessivi per la FLC CGIL, a livello regionale, sono stati 6.677, oltre 200 in più della scorsa elezione del CSPI risalente al 2015, e così suddivisi:

infanzia: 429 voti; primaria: 1761 voti; secondaria I° grado: 1308 voti; secondaria II° grado: 1626 voti; personale ausiliario tecnico amministrativo (ATA): 1512 voti; dirigenti scolastici: 41 voti;

“Il nostro impegno prosegue, giorno dopo giorno, nei luoghi di lavoro, nell’assistenza e l’accoglienza dei numerosi precari presenti nel nostro settore, ma anche attraverso la raccolta di firme per i 4 referendum promossi dalla CGIL per la tutela del lavoro, per la stabilizzazione dei precari, per la sicurezza nei luoghi di lavoro, per il contrasto all’autonomia differenziata (che a breve potrebbe essere una realtà) che dividerebbe il Paese, disgregherebbe la scuola e aumenterebbe le diseguaglianze sociali e territoriali – conclude Marta Viotto –  Continuiamo a difendere l’unità del Paese e con essa il valore costituzionale dell’istruzione pubblica che deve essere nazionale.

Il nostro impegno proseguirà anche nella difesa e nella valorizzazione di tutto il personale scolastico, per il riconoscimento della dignità professionale, per la libertà d’insegnamento, per un salario giusto e contro ogni forma di autoritarismo. La forza dimostrata della FLC CGIL ci consente di dare maggiore slancio alle nostre rivendicazioni e a dare la parola alla scuola che sempre di più subisce le politiche antistoriche, liberiste e regressive del Governo”.

Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.