24 milioni di euro di fondi Fsba sbloccati dal Governo per il Veneto

Cgil, Cisl e Uil: “Adesso si possono effettuare i 30.000 bonifici che ancora mancavano per il mese di aprile. Le proteste e la mobilitazione dei lavoratori ha avuto un primo effetto. Adesso vanno coperti maggio e giugno”.

Il Ministero del Tesoro, questa mattina, ha finalmente bonificato i 516 milioni che esauriscono il finanziamento assegnato all’Fsba, la “cassa integrazione” per i lavoratori dell’artigianato. Al Veneto spettano 24 milioni. Si tratta di una somma sufficiente a coprire tutto il mese di aprile. Per la nostra Regione si riesce così a dare risposte a 30.000 lavoratori.

“È un risultato parziale – dichiarano Tiziana Basso (Cgil Veneto), Riccardo Camporese (Cisl Veneto), Giannino Rizzo (Uil Veneto) – ma importante, ottenuto grazie alle proteste e alla mobilitazione dei lavoratori a livello locale e alle pressioni messe in campo dai Sindacati nazionali. Il mese di aprile è stato indubbiamente quello più duro per le imprese artigiane e questa prima risposta è una boccata d’ossigeno per tantissime persone. L’Ebav assicura il pagamento entro due giorni dalla disponibilità delle risorse, quindi entro lunedì 27 luglio i bonifici verranno effettuati”.
“Non ci fermiamo qui – proseguono i sindacalisti – perché mancano ancora le risorse per maggio e giugno. Chiediamo inoltre la proroga delle settimane di copertura per tutti quei casi per i quali proseguiranno le difficoltà. Indubbiamente il trend delle domande di ammortizzatori sociali nell’artigianato è in calo per i mesi di maggio (un terzo delle domande a livello nazionale rispetto ad aprile) e giugno (un ottavo rispetto al mese di aprile), segno di una ripresa produttiva, ma siamo ancora lontani dall’aver risolto tutti i problemi”.
Per quanto riguarda il Veneto – concludono – parliamo di 26.000 aziende e di 100.000 lavoratori che hanno subito periodi di sospensione dell’attività. A loro va data una risposta e deve proseguire anche per il futuro il sostegno al sistema artigiano del nostro territorio finché la crisi sanitaria e quella economica non saranno alle nostre spalle”.

Vedi il comunicato stampa unitario

Aborto sicuro, un diritto da conquistare

In occasione della Giornata internazionale, la Cgil promuove iniziative di sensibilizzazione non solo in difesa della legge 194, ma anche per chiedere strumenti e servizi

Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.