SERVIZI PUBBLICI LOCALI: CONVEGNO CGIL IL 5 APRILE A MESTRE

“I servizi pubblici locali. Le reti per un nuovo modello di sviluppo” è il titolo di un convegno organizzato dalla Cgil per il 5 aprile a Mestre (centro culturale Candiani, ore 9).
L’incontro prende le mosse da una ricerca (che sarà presentata per l’occasione) condotta da Giuseppe Barba per l’Ires del Veneto che ha preso in esame, tracciando una vera e propria radiografia regione per regione (13 quelle esaminate), i settori di acqua, igiene urbana, trasporto pubblico locale ed erogazione del gas.

continua a leggere

SVILUPPO SOSTENIBILE. UNA PIATTAFORMA DELLA CGIL

La Cgil ha presentato il 27 marzo, con un’iniziativa nella propria sede nazionale, la Piattaforma integrata per lo sviluppo sostenibile. “La fase storica attuale – dice – è indubbiamente attraversata da due profonde transizioni: quella ambientale e quella tecnologica. Entrambe incideranno profondamente sui modelli di vita, sull’economia e, inevitabilmente, sul lavoro”. Di qui la decisione di lanciare una “vertenza multilivello” basata sulle tre direttrici aria, acqua e terra, e su temi legati all’ambiente urbano, come mobilità, gestione dei rifiuti e modelli edilizi.

continua a leggere

LA RIPRESA SBAGLIATA

Sui temi delle politiche economiche proponiamo questo intervento di Riccardo Sanna, Coordinatore dell’Area politiche di sviluppo della Cgil nazionale, pubblicato sul sito di Rassegna Sindacale.

A che punto è la crisi? Sono 10 anni ormai che questa domanda viene posta da tutti gli osservatori economici in giro per il mondo, istituzionali e non, con lo scopo principale di riprendere a crescere, correggendo gli squilibri macroeconomici all’origine della stessa crisi. Anche la Cgil iniziò la sua ricerca istituendo il Forum dell’economia proprio su tale quesito, per studiare approfonditamente le cause e le soluzioni della nuova “grande trasformazione” del capitalismo, a partire da quello nazionale ed europeo. Con questo spirito sono stati elaborati tutti gli studi e le elaborazioni a sostegno del Piano del lavoro.

continua a leggere