BANCHE: PRESIDIO A VICENZA

I 700 lavoratori delle 10 aziende gravitanti attorno alle Banche Venete e non acquisite da Banca Intesa sono senza garanzie circa le proprie prospettive. Per richiamare l’attenzione sulla loro situazione e chiedere soluzioni certe, daranno vita ad un presidio venerdì 23 marzo a Vicenza, davanti alla direzione dell’ex BPVI (in via Battaglione Framarin) dalle 10 alle 13.
La mobilitazione, che riguarda 150 addetti nel Veneto, è organizzata da Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca, Unisin.

continua a leggere

TRONY: IN PRESIDIO PER IL LAVORO

I lavoratori dei punti vendita Trony del Veneto hanno dato vita ad un presidio, martedì 20 marzo, davanti alla sede della Regione Veneto (Palazzo Grandi Stazioni di Venezia). Alle 12.30 l’incontro con l’Assessore regionale al lavoro Elena Donazzan.
A seguito del fallimento della DPS Group, che gestisce i negozi a marchio Trony, sono a rischio di chiusura diversi punti vendita anche nel Veneto. Nel complesso tra chiusure appena avvenute e nuovi posti minacciati i lavoratori veneti che vedono messo in discussione il proprio posto di lavoro sono 250 nei negozi di Conselve, Albignasego, Sarmeola di Rubano (provincia di Padova), Zero Branco (Treviso), Verona, S. Maria di Sala (nel veneziano).

continua a leggere

INCA NELLE PIAZZE IL 24 MARZO

Con gazebo e banchetti situati in una quindicina di piazze del Veneto, gli operatori dell’Inca daranno vita sabato 24 marzo ad una “giornata di presenza e di mobilitazione” per rilanciare il tema dei diritti e della tutela individuale che deve saper “rispondere ai vecchi e nuovi bisogni dei lavoratori, dei pensionati e dei cittadini”.

continua a leggere

RESTAURATORI: DOPO 13 ANNI NON HANNO ANCORA LA QUALIFICA

Da 13 anni aspettano il riconoscimento della qualifica da parte del Ministero dei Beni Culturali ed intanto continuano ad essere “i fantasmi” nei cantieri di restauro del patrimonio italiano.
Per questo il 26 gennaio daranno vita ad un presidio davanti al Ministero per evidenziare che nella situazione in cui si trovano sono ridotti alla precarietà, esposti a contratti al ribasso ed ad un’alta ricattabilità sul lavoro.

continua a leggere

BCC: ASSEMBLEA GENERALE E PRESIDIO CONTRO I LICENZIAMENTI

Sospese le trattative e convocazione per il 17 novembre dell’assemblea generale dei lavoratori delle Banche di Credito Cooperativo (BCC) del Veneto con presidio davanti alle sede di Federveneta, a Padova in via Longhin. La giornata di mobilitazione è stata decisa dalle segreterie e dai coordinamenti regionali di Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca a fronte dei licenziamenti effettuati da Federveneta in dispregio alle procedure contrattuali e all’accordo sottoscritto per il salvataggio dell’ex Banca Padovana. Il tutto in un contesto di riforma, tuttora in atto, del Credito Cooperativo che in Veneto interessa 5.000 addetti e 32 istituti di credito oltre alla stessa Federazione Veneta.

continua a leggere

IL TRASPORTO MERCI SI FERMA, ECCO PERCHÉ

È sciopero dalle 00.00 di lunedì 30 fino 24.00 di martedì 31 in Veneto, oltre a presidi e volantinaggio in tutte le aziende del settore, sono organizzati presidi al Porto di Venezia, all’Interporto di Padova e all’Interporto di Verona.
Il senso di questa mobilitazione per il contratto in un settore dove spesso i diritti sono calpestati e le condizioni di lavoro sono basse lo spiega in questo intervento il Segretario Generale della Filt del Veneto, Renzo Varagnolo.

continua a leggere