DUE MORTI SUL LAVORO A VERONA: STRAGE INACCETTABILE

Due infortuni mortali sul lavoro sono avvenuti a Verona, a poche ore di distanza l’uno dall’altro.
Il primo ha colpito Pasquale Misitano, edile di 42 anni, padre di due figli e con un terzo in arrivo. L’incidente è avvenuto a Poiano, alle porte del capoluogo. L’operaio, che lavorava per la Geco Costruzioni, una ditta che opera in subappalto nel cantiere per la realizzazione della variante alla Strada Provinciale 6 dei Lessini, è rimasto schiacciato sotto una pesante sponda di cemento che non era fissata bene ai ganci di sicurezza. Un suo collega si è salvato miracolosamente.
Il secondo tragico incidente, accaduto a Minerbe, è costato la vita a Cristian Dumitru Miron, di 37 anni, anch’egli in attesa di un bimbo. L’ uomo è stato travolto e schiacciato da un mezzo agricolo guidato da un collega mentre si trovava al lavoro all’interno del mangimificio Zanon.

continua a leggere

UN FONDO PER LE VITTIME SUL LAVORO

Cgil, Cisl e Uil di Padova aprono il “Fondo vittime sul lavoro” per sostenere, anche economicamente, le vittime degli incidenti sul lavoro ed i loro familiari.
Chi vuole contribuire può effettuare il versamento su “Fondo Vittime sul Lavoro Cgil – Cisl – Uil, Iban: IT24 K033 5901 6001 0000 0159 922.

continua a leggere

MORTO OPERAIO DELLE ACCIAIERIE. SULLA SICUREZZA VENGANO ATTI CONCRETI

Nella notte del 6 giugno è morto Sergiu Todita, operaio di acciaierie venete colpito assieme ad altri 4 lavoratori da una colata di acciaio fuso.
Profondo il cordoglio della Cgil regionale, espresso in un messaggio del Segretario Generale, Christian Ferrari.
Purtroppo la strage continua; solo un giorno prima sono avvenuti altri due incidenti gravi nell’edilizia, mentre la tragedia è stata sfiorata alla Simar di Marghera con la fuoriuscita di zinco fuso che ha causato un principio di incendio. Stessa dinamica e stessa pericolosità di quanto avvenuto il 28 maggio all’ex Alcoa di Fusina.
Tutto ciò, dice Ferrari, rende ancor più urgenti le risposte, a partire dal tavolo aperto in Regione: occorrono risultati entro giugno.

continua a leggere

SABATO 26 MAGGIO TUTTI A PADOVA

Per la difesa della vita e della sicurezza di ognuno nel posto di lavoro, cresce la mobilitazione di Cgil Cisl Uil del Veneto che hanno avuto un primo incontro con la Regione e le varie associazioni datoriali all’inizio della settimana e si preparano per un secondo appuntamento lunedì prossimo.
Intanto per sabato 26 maggio Cgil Cisl Uil hanno organizzato una manifestazione regionale a Padova.

continua a leggere

NUOVO INCIDENTE SUL LAVORO. AL VENETO IL TRISTE PRIMATO

ACCIAIERIE VENETE: ENNESIMO INCIDENTE DI UNA SERIE CHE COLLOCA IL VENETO AL PRIMO POSTO FRA LE REGIONI ITALIANE PER MORTI SUL LAVORO.

CHRISTIAN FERRARI, SEGRETARIO GENERALE DELLA CGIL DEL VENETO, EVIDENZIA LA SITUAZIONE ALLARMANTE E CHIEDE UN IMPEGNO AD IMPRESE E MONDO POLITICO, A PARTIRE DALLA REGIONE CON CUI DOMANI È PREVISTO UN INCONTRO.

continua a leggere

TROPPI GLI INFORTUNI SUL LAVORO IN VENETO. GIOVANI PARTICOLARMENTE COLPITI

“L’allarme della Cgil. Infortuni, strage di ragazzi” così titola il Corriere del Veneto del primo maggio che riporta un report della Cgil regionale da cui emerge un tragico bilancio (375.000 incidenti e 560 morti) sul fronte della sicurezza. Particolarmente esposti ai rischi i giovani e, ancor più i giovanissimi che pagano anche sul piano della sicurezza il prezzo della precarietà, di una conseguente scarsa formazione e peggiori condizioni di lavoro.

continua a leggere