TANTISSIMI I VENETI A ROMA. FERRARI: IL GOVERNO CI ASCOLTI

Così commenta Christian Ferrari, Segretario generale Cgil Veneto: “La partecipazione alla manifestazione di Cgil, Cisl e Uil è andata oltre le più rosee aspettative. Anche grazie a una massiccia presenza di migliaia e migliaia di lavoratori veneti. Segnale inequivocabile della preoccupazione diffusa nei luoghi di lavoro e della volontà di …

VENETO IN PEGGIORAMENTO, SERVONO INVESTIMENTI

IL 9 FEBBRAIO 13.000 A ROMA Oltre 50 tavoli di crisi aziendali, per 7.000 lavoratori coinvolti, sono stati attivi presso la regione Veneto nel corso del 2018. A tutt’oggi rimangono aperti molti punti di difficoltà, mentre gli indicatori prospettano un 2019 in frenata, con il Pil regionale ridimensionato dall’1,2 allo …

10.000 veneti alla manifestazione unitaria a Roma del 9 febbraio

In arrivo alla manifestazione nazionale di Cgil, Cisl e Uil oltre 10 mila lavoratori da tutto il Veneto! Vedi il volantoneCGIL, CISL e UIL hanno presentato le proprie richieste al Governo e le hanno discusse con migliaia di lavoratori e pensionati. La Legge di bilancio invece non dà risposte, è …

Cgil, Cisl, e Uil: 9 febbraio manifestazione nazionale in piazza San Giovanni

La manifestazione nazionale unitaria #FuturoalLavoro proclamata da Cgil, Cisl e Uil, per sabato 9 febbraio a Roma, inizialmente prevista a Piazza del Popolo, è stata spostata a Piazza San Giovanni in Laterano. “La decisione dello spostamento – spiegano le tre confederazioni – è stata presa per la necessità di trovare una piazza più capiente vista la …

IN PIAZZA CONTRO IL DDL PILLON SULL’AFFIDO DEI FIGLI

La Cgil scende nelle piazze di tutte le principali città sabato prossimo, 10 novembre, insieme ai centri antiviolenza, associazioni, sindacati, Ong, movimenti, comitati formatisi ad hoc, per dire “no” al disegno di legge del senatore leghista Pillon (noto per le sue posizioni contro unioni civili, teorie gender e aborto). Il ddl, insieme agli altri tre …

IN PIAZZA CON GLI IMPRENDITORI? NO, RAPPRESENTIAMO INTERESSI DIVERSI!

Se i lavoratori vanno in piazza (come hanno fatto e come faranno), lo fanno contro la precarietà, contro gli incidenti mortali sul lavoro, contro la deriva nazionalista e xenofoba, contro le diseguaglianze, per il rilancio degli investimenti e per una politica industriale in grado di rilanciare il Paese. Non certo …