MACERATA, SOSPESA LA MANIFESTAZIONE DI SABATO MA LA MOBILITAZIONE RESTA

Sospesa, a seguito dell’appello del sindaco, la manifestazione contro i fascismi in programma per il 10 febbraio a Macerata. Ma la mobilitazione e l’impegno democratico non si fermeranno per questo e nuovi appuntamenti verranno calendarizzati.
“Rispettiamo le istituzioni, abbiamo accolto l’invito del sindaco di Macerata, ma sabato dovrà essere una giornata di democratica e civile mobilitazione antifascista”, dice su Twitter il segretario generale della Cgil Susanna Camusso dopo la decisione assunta insieme a Anpi, Arci e Libera di sospendere la manifestazione del 10 febbraio. “Prepariamo – aggiunge Camusso – la manifestazione nazionale con presidi, manifestazioni, momenti di riflessione MaiPiuFascismi”.

continua a leggere

“MAI PIÙ FASCISMI” SABATO MANIFESTAZIONE A MACERATA

Macerata, 10 febbraio: associazioni, partiti, sindacati, movimenti democratici saranno insieme per dire no a tutti i fascismi e razzismi.
La sparatoria contro un gruppo di migranti per opera di Luca Traini avvenuta sabato 3 febbraio nel capoluogo marchigiano è definito dall’Anpi “un fatto di una gravità inaudita”.
“Le Istituzioni – chiede l’Anpi – assumano immediatamente provvedimenti e la condanna sia unanime. È intollerabile il giustificazionismo di queste ore che addirittura imputa alle vittime la colpa dell’accaduto.
Invitiamo caldamente l’Italia antifascista e democratica a scendere in piazza il 10 febbraio a Macerata per costruire tutti insieme una rinnovata stagione di impegno per la libertà, la solidarietà e la convivenza civile: la Costituzione non si calpesta, si attua”.

continua a leggere

GOMMA PLASTICA: SCIOPERO E MANIFESTAZIONE A MILANO

Con 16 ore di sciopero (di cui 8 a livello nazionale e 8 a livello territoriale da tenersi entro il 31 gennaio) ed una manifestazione a Milano, sotto la sede della Federazione Gomma Plastica, il 15 gennaio, Filctem, Femca e Uiltec rispondono a quello che definiscono uno scontro cercato e voluto da Confindustria che, con una interpretazione unilaterale del contratto, opera un’inaccettabile espropriazione nei confronti dei lavoratori.

continua a leggere

LA CGIL VENETO PARTECIPETRÀ ALLA MANIFESTAZIONE ANTIFASCISTA DEL 9 DICEMBRE A COMO

Dichiarazione del Segretario generale Christian Ferrari

Gli episodi intimidatori e squadristi di stampo Nazi-Fascista hanno ormai cadenza quasi quotidiana. È di ieri la gravissima minaccia alla libertà di stampa messa in scena da Forza Nuova ai danni dei giornalisti di Repubblica e l’Espresso. È di quest’estate l’episodio della spiaggia fascista di Chioggia, in cui imperversavano simboli e parole che si richiamavano a un regime criminale che ha insanguinato l’Italia nel secolo scorso. Quanto avviene ogni domenica negli stadi italiani riempie ormai settimanalmente le cronache dei mezzi di informazione. È di qualche settimana fa l’aggressione ad un giornalista della Rai avvenuta a Ostia, dove l’intreccio tra movimenti fascisti e criminalità organizzata è sotto gli occhi di tutti.
Ma sono molte altre le violenze fisiche subite da cittadini migranti, da senza fissa dimora, da chi viene considerato dall’estrema destra un avversario politico. Alcuni di questi episodi hanno avuto esiti tragici, basti pensare a quanto avvenuto a Fermo l’estate del 2016. Tutto ciò dimostra come tra le parole di odio e di intolleranza e le azioni concrete il passaggio sia molto più veloce di quanto si pensi.
continua a leggere

ISPETTORI DEL LAVORO IN CAMPO SAN POLO

Oltre un centinaio di dipendenti dell’ex ispettorato del lavoro provenienti da tutto il veneto hanno manifestato questa mattina a Venezia, davanti alla sede dell’ispettorato regionale in campo San Polo. Al centro della protesta, le criticità in cui versa la struttura che dovrebbe condurre la lotta al lavoro nero e all’illegalità, oggetto di una riforma varata nel 2015 ma tuttora monca, talmente monca da minare l’effettivo esercizio delle funzioni.

continua a leggere

IL 2 DICEMBRE TUTTI A TORINO

“Per cambiare il sistema previdenziale, per sostenere sviluppo e occupazione, per garantire futuro ai giovani” la Cgil ha indetto una mobilitazione nazionale per sabato 2 dicembre.
Sono cinque le manifestazioni a carattere interregionale organizzate all’insegna dello slogan “Pensioni, i conti non tornano!”. Il Veneto parteciperà a quella in programma a Torino, in piazza San Carlo, dove confluiranno lavoratori e pensionati del nord Italia.
Le altre si terranno a Roma in piazza del Popolo, a Bari in piazza Prefettura, a Palermo in piazza Verdi e a Cagliari in piazza Garibaldi.
A concludere tutte le iniziative sarà il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, che alle ore 12.30 prenderà la parola dal palco della Capitale, in collegamento video con le varie città.

continua a leggere