UN NUOVO CONTRATTO PER LE IMPRESE ORTOFRUTTICOLE

È stato siglato, nella serata del 27 giugno, da Flai Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil e Fruitimprese il nuovo contratto nazionale delle imprese Ortofrutticole, scaduto il 31 dicembre 2016.
La vigenza è di tre anni, dal 2017 al 2019, e l’aumento medio è di 65 euro. Inoltre, come spiega Davide Fiatti della Flai Cgil, sono previsti “aumenti degli scatti di anzianità e delle maggiorazioni degli straordinari”.

continua a leggere

INTEGRATIVO REGIONALE ALL’AGRICOLA TRE VALLI

Lo smart working entra all’Agricola Tre Valli in via sperimentale. Lo stabilisce il contratto integrativo per il gruppo a livello regionale, sottoscritto il 29 maggio tra azienda e sindacati, che sarà ora sottoposto ai lavoratori per l’approvazione definitiva.
Agricola Tre Valli Soc. Coop. occupa circa 5.200 lavoratori del settore avicolo e cunicolo nelle provincie di Verona, Vicenza, Treviso e Padova.

continua a leggere

ORAFI E ARGENTIERI: C’È L’INTESA PER IL CONTRATTO

È stata sottoscritta tra Fim, Fiom, Uilm e Federorafi, l’ipotesi di accordo (vigenza fino al 30 giugno 2020) per il rinnovo del contratto nazionale degli addetti del settore orafo, argentiero e della gioielleria.
È prevista una rivalutazione, in via sperimentale come per il contratto nazionale Federmeccanica, dei minimi tabellari in vigore con la busta paga di giugno 2017 sulla base dell’Ipca registrato nel 2015 e 2016 e l’adeguamento dei minimi a giugno di ciascun anno di vigenza del contratto sulla base dell’indice Ipca.

continua a leggere

SIGLATO IL CONTRATTO PER IL CALZATURIERO

È stata firmata il 27 aprile a Milano l’ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto 2016-2019 del settore calzaturiero (80 mila addetti, oltre 5 mila imprese), scaduto il 31 marzo scorso.
L’intesa, siglata da Assocalzaturifici-Confindustria e Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil, prevede un aumento complessivo pari a 90 euro tra minimi e welfare contrattuale. L’aumento sui minimi salariali è di 70 euro (al quarto livello), suddiviso in tre tranche.

continua a leggere

UNA CARTA DEI DIRITTI PER TUTTI

La Cgil ha presentato una proposta di legge di iniziativa popolare denominata Carta dei Diritti Universali del Lavoro.
Si tratta di una sorta di nuovo Statuto di tutti i Lavoratori che si misura con il cambiamento intervenuto nel mondo del lavoro, frammentato e oggetto di discriminazioni, con l’obiettivo di operare una riunificazione riconoscendo a tutti (dipendenti, parasubordinati ed autonomi) alcuni diritti fondamentali.

continua a leggere

VOUCHER: LE ALTERNATIVE ESISTONO GIÀ

Non è vero che con l’abolizione dei voucher non è più possibile assumere lavoratori per piccole prestazioni. Basti prendere a riferimento i Contratti per accorgersi che la flessibilità è già presente ed utilizzabile. Vediamo alcuni esempi riferiti ai settori maggiormente utilizzatori di voucher.

continua a leggere