NUOVO CONTRATTO PER LEGNO E LAPIDEI

Busta paga più pesante, dai 53 ai 66 euro, per i lavoratori del settore legno arredo e lapidei (artigianato e Pmi) dopo il rinnovo del contratto nazionale di lavoro, siglato il 14 marzo.
A ciò va aggiunta una tantum di 150 euro a copertura del periodo di vacanza contrattuale.
L’intesa, sottoscritta da Cna, Confartigianato, Claai e Casartigiani, con Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, riguarda il periodo 2016-2018 ed intersessa circa 50 mila imprese e 100 mila lavoratori ai quali ora passa la parola per l’approvazione dell’accordo.

continua a leggere

RISTORAZIONE E TURISMO: SI È ARRIVATI ALL’ACCORDO

Dopo quasi cinque anni – e una lunga serie di scioperi e mobilitazioni – è stata raggiunta l’intesa per il contratto della ristorazione collettiva e commerciale, pubblici esercizi e turismo che prevede un aumento medio di 100 euro.
Lo hanno firmato il 9 febbraio i sindacati del settore con Fipe Confcommercio, Angem e Aci Alleanza delle Cooperative. Circa un milione i lavoratori interessati nel mondo della ristorazione: piccoli bar, mense e grandi gruppi della ristorazione autostradale.

continua a leggere

FINALMENTE SIGLATO IL CONTRATTO ISTRUZIONE RICERCA

Firmato il 9 febbraio, nella sede dell’Aran, il contratto del comparto Istruzione e Ricerca: “un milione e duecentomila tra docenti, personale Ata, ricercatori, tecnologi, tecnici, amministrativi hanno finalmente riconquistato uno strumento forte di tutela delle proprie condizioni di lavoro, dopo anni di blocco delle retribuzioni e di riduzione degli spazi di partecipazione e di contrattazione”, commentano in una nota Cgil, Cisl, Uil e Flc Cgil, Cisl Fsru e Uil Scuola Rua.
Gli aumenti salariali sono in linea con quanto stabilito dalle Confederazioni con l’accordo del 30 novembre 2016: per la scuola da un minimo di 80,40 a un massimo di 110,70 euro, mentre è pienamente salvaguardato per le fasce retributive più basse il bonus fiscale di 80 euro.

continua a leggere

SICUREZZA E DIFESA: RINNOVATO IL CONTRATTO

È stato siglato, alla presenza dei ministri Minniti, Pinotti, Orlando, Madia e dei Sottosegretari Baretta, Ferri e Rughetti, l’accordo per il rinnovo del contratto Sicurezza e Difesa per il triennio economico e normativo 2016/2018. “L’intesa – riferiscono in un comunicato congiunto Fp e Silp Cgil – è stata raggiunta al termine di una maratona notturna segnata delle rielaborazioni sulle ricadute economiche e dalla mancata apposizione della firma dei Cocer di Marina Militare e Aeronautica.

continua a leggere

CONTRATTO SEPARATO PER I TERMALI: È PEGGIORATIVO

Un contratto separato, senza la firma della Filcams Cgil, è stato siglato per i lavoratori del settore termale tra Federterme, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil.
Secondo la Filcams si tratta di un testo marcatamente peggiorativo, “una scelta sconsiderata in un contesto difficile”, e per questo il sindacato della Cgil, che rappresenta la maggior parte degli addetti del comparto, darà il via ad una campagna di informazione e consultazione dei lavoratori di tutti gli stabilimenti.

continua a leggere

CONTRATTO UNICO PER TESSILI E CHIMICI ARTIGIANI

È stato raggiunto l’accordo tra Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil e le associazioni degli artigiani Confartigianato, Cna, Casartigiani, Claai sul nuovo contratto nazionale di lavoro nei settori chimico e della Moda, con validità 2016-2018 (rivista la vigenza contrattuale 24 mesi per il Chimico e 30 per il settore Moda). Il contratto, che riunifica in un’unica intesa il settore della Moda con quello dei Chimici nell’artigianato, coinvolge una platea complessiva di 250.000 lavoratori distribuiti in 100.000 aziende. “Questo contratto – dicono i rappresentanti sindacali – è importante soprattutto perché è il primo vero accorpamento di settori manifatturieri diversi, un altro passo avanti verso la razionalizzazione del numero dei contratti nazionali”.

continua a leggere