CAMORRA IN VENETO: SIAMO ALL’EMERGENZA. APPELLO CGIL, IL 21 IN PIAZZA A PADOVA

Un’operazione della polizia e della guardia di Finanza (50 ordini di custodia e 11 obblighi di dimora) ha portato alla luce una vasta e profonda infiltrazione della camorra in Veneto, con il coinvolgimento anche di personaggi politici, quale il sindaco di Eraclea. Si aggiunge così un altro tassello alla lotta …

ELETTA LA NUOVA SEGRETERIA DELLA CGIL VENETO

La Cgil del Veneto ha una nuova segreteria. L’ha eletta stamattina, con voto segreto, l’assemblea generale dell’organizzazione al termine di una consultazione sulla proposta formulata dal segretario generale, Christian Ferrari, alla presenza del segretario nazionale con delega all’organizzazione, Nino Baseotto.Il nuovo esecutivo della Cgil regionale è formato, oltre che da …

TANTISSIMI I VENETI A ROMA. FERRARI: IL GOVERNO CI ASCOLTI

Così commenta Christian Ferrari, Segretario generale Cgil Veneto: “La partecipazione alla manifestazione di Cgil, Cisl e Uil è andata oltre le più rosee aspettative. Anche grazie a una massiccia presenza di migliaia e migliaia di lavoratori veneti. Segnale inequivocabile della preoccupazione diffusa nei luoghi di lavoro e della volontà di …

VENETO IN PEGGIORAMENTO, SERVONO INVESTIMENTI

IL 9 FEBBRAIO 13.000 A ROMA Oltre 50 tavoli di crisi aziendali, per 7.000 lavoratori coinvolti, sono stati attivi presso la regione Veneto nel corso del 2018. A tutt’oggi rimangono aperti molti punti di difficoltà, mentre gli indicatori prospettano un 2019 in frenata, con il Pil regionale ridimensionato dall’1,2 allo …

ANCORA MORTI SUL LAVORO. ORA BASTA!

Due gravissimi incidenti sul lavoro sono avvenuti questa mattina in veneto. Il primo é costato la vita a un operaio di 37anni folgorato in un cantiere della Pedemontana nel vicentino; il secondo ha ridotto in condizioni gravissime un operatore ecologico schiacciato tra una gru ed un cassone a Cavallino Treporti.  …

CHRISTIAN FERRARI INTERVIENE AL XVIII CONGRESSO DELLA CGIL

“Care compagne, cari compagni, una nuova rivista progressista, ha aperto il suo primo numero con il titolo: “Vivere in un Paese senza Sinistra”. Un titolo provocatorio – che però coglie nel segno – perché racconta il dissolvimento di tanti punti di riferimento della nostra militanza. È come se viaggiassimo lungo …