LA CGIL VENETO PARTECIPETRÀ ALLA MANIFESTAZIONE ANTIFASCISTA DEL 9 DICEMBRE A COMO

Dichiarazione del Segretario generale Christian Ferrari

Gli episodi intimidatori e squadristi di stampo Nazi-Fascista hanno ormai cadenza quasi quotidiana. È di ieri la gravissima minaccia alla libertà di stampa messa in scena da Forza Nuova ai danni dei giornalisti di Repubblica e l’Espresso. È di quest’estate l’episodio della spiaggia fascista di Chioggia, in cui imperversavano simboli e parole che si richiamavano a un regime criminale che ha insanguinato l’Italia nel secolo scorso. Quanto avviene ogni domenica negli stadi italiani riempie ormai settimanalmente le cronache dei mezzi di informazione. È di qualche settimana fa l’aggressione ad un giornalista della Rai avvenuta a Ostia, dove l’intreccio tra movimenti fascisti e criminalità organizzata è sotto gli occhi di tutti.
Ma sono molte altre le violenze fisiche subite da cittadini migranti, da senza fissa dimora, da chi viene considerato dall’estrema destra un avversario politico. Alcuni di questi episodi hanno avuto esiti tragici, basti pensare a quanto avvenuto a Fermo l’estate del 2016. Tutto ciò dimostra come tra le parole di odio e di intolleranza e le azioni concrete il passaggio sia molto più veloce di quanto si pensi.
continua a leggere

BILANCIO DELLA REGIONE: NON SI DANNEGGINO I VENETI

“Siamo di fronte ad un bilancio regionale che per tutelare pochi danneggia la grande maggioranza dei cittadini veneti”. Lo dice il Segretario Generale della CGIL Veneto, Christian Ferrari, facendo presenti i tagli che incidono sulla carne viva del tessuto sociale della regione, impoverito dalla crisi. C’è un’altra possibilità, ed è un’addizionale Irpef calibrata a carico della popolazione più ricca che consenta il recupero delle risorse necessarie ad affrontare le criticità.

continua a leggere

Intervista del Segretario Generale della Cgil del Veneto al giornale online Timer Magazine

FERRARI (CGIL): IL VENETO PUÒ DIVENTARE LEADER EUROPEO DEL MANIFATTURIERO. BASTA IMMOBILISMO DELLA POLITICA
pubblicato 25 novembre 2017 da Daniela Boresi

di Giorgio Gasco

Ricompaiono le file di camion, scomparse progressivamente negli ultimi dieci anni, da quando il crac della Lehman Brothers ha dato il via alla crisi economica più pesante dopo quella del 1929. Al di là degli indicatori prospettici di Istat, Bankitalia e del governo Gentiloni che fanno ben sperare nella ripresa anche dell’Italia, che qualcosa si stia realmente muovendo lo si vede percorrendo le autostrade italiane, del Nordest in particolare: i mezzi pesanti sono tornati segno che la ripresa, seppure assai lenta, è in atto.

continua a leggere

CGIL: SULL’AUTONOMIA OCCORRE UNA PROPOSTA CREDIBILE

“Netto dissenso” alla totale regionalizzazione di materie quali l’istruzione, la sanità, il governo del territorio e Laguna di Venezia, le grandi infrastrutture, i flussi migratori, i porti e gli aeroporti, le reti nazionali per l’energia e “perplessità” anche su materie quali il collocamento, la cassa integrazione, la previdenza complementare, il sostegno alle responsabilità familiari che necessitano, quanto meno, di una “maggiore chiarezza nella loro formulazione normativa”.

continua a leggere

LE PROPOSTE DI STATUTO SPECIALE TRADISCONO IL VOTO

“La trattativa tra il Veneto e il Governo per contrattare, dopo il risultato referendario di domenica scorsa, maggiori spazi di autonomia regionale parte con il piede sbagliato”.
Lo afferma Christian Ferrari, Segretario generale della Cgil del Veneto, in una dichiarazione alla stampa.
continua a leggere

UN REFERENDUM INUTILE E CONTROPRODUCENTE

di Christian Ferrari, Segretario Generale della Cgil del Veneto

Gli anni ‘90 sono ormai alle nostre spalle ed è forte la sensazione che, con i tempi d’oro, sia finita l’illusione che la soluzione a tutti i nostri problemi economici e sociali possa venire dall’autonomia o, peggio, dalla secessione.
Lo dimostra anche quanto sta avvenendo in Catalogna, lo conferma lo scetticismo con cui un numero crescente di cittadini veneti sta guardando all’imminente appuntamento referendario deciso dal Consiglio Regionale.

continua a leggere