FINANZA 4.0 IN UN CONVEGNO DELLA FISAC

Ha parlato di rivoluzione digitale, delle sue ricadute sul lavoro e sulla stessa azione del sindacato l’assemblea generale della Fisac Cgil del Veneto, riunitasi oggi (19 maggio) a Mestre, nella sede della Cgil regionale in via Peschiera.
Titolo dell’incontro: “La digitalizzazione nelle banche e nelle assicurazioni. Lavoro e sindacato ai tempi della finanza 4.0”.

continua a leggere

BANCA POPOLARE DI VICENZA: MANIFESTAZIONE DEI LAVORATORI

I lavoratori del gruppo Banca Popolare di Vicenza saranno in manifestazione domattina, venerdì 28 aprile, (dalle ore 10) davanti alla Fiera di Vicenza dove è convocata l’assemblea dei soci.
L’iniziativa è stata indetta da FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, UNISIN che esprimono forti preoccupazioni per la situazione e sollecitano le istituzioni ad operare velocemente per una soluzione. “Non si può – dicono – abbandonare il territorio e i dipendenti!” ed annunciano una mobilitazione generale di tutta la categoria a livello nazionale “al primo tentativo di licenziamento”.

continua a leggere

BANCHE VENETE: SINDACATI PRONTI ALLO SCIOPERO

“Chiunque pensi ai licenziamenti, che avrebbero inevitabili e drammatiche ricadute in termini sociali, si troverà a fare i conti con la mobilitazione nazionale di tutta la categoria e lo sciopero deciso unitariamente da tutto il sindacato. Questo è il messaggio forte e chiaro che mandiamo ai vertici delle due banche venete, al governo e alla Commissione europea a Bruxelles”.

continua a leggere

POPOLARE VICENZA E VENETO BANCA: NON SI PERDA TEMPO!

La Segretaria Generale della Fisac Cgil del Veneto, Chiara Canton, interviene sulla vicenda di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca invitando ad un intervento tempestivo. Il governo italiano – dice – sia risoluto nel chiedere agli organismi europei di individuare e attuare, quanto prima, gli strumenti necessari a rilanciare i due istituti. Si sappia anche che a pagare non devono essere i lavoratori.

continua a leggere

BPVI E VENETO BANCA: INCONTRO IN REGIONE

Preoccupate per la situazione di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca, le organizzazioni sindacali hanno incontrato, presso la Regione Veneto, l’assessore al lavoro Elena Donazzan.
“Un primo incontro – riferisce una nota della Fisac Cgil del Veneto – con l’obiettivo di fare una ricognizione delle possibili ricadute che deriverebbero dalla fusione dei due istituti di credito, sia dal punto di vista della tenuta dei livelli occupazionali sia dal punto di vista del tessuto economico e sociale della regione.

continua a leggere

IL REFERENDUM NON C’ENTRA CON I DESTINI DELLE BANCHE

Le affermazioni del Financial Times secondo cui la vittoria del no al referendum farebbe precipitare la situazione di un gruppo di banche tra cui Popolare di Vicenza e Veneto Banca sono “pura speculazione” in quanto prive di ogni fondamento.
Lo dice Chiara Canton, Segretaria regionale della Fisac Cgil, che definisce “gravissimo l’articolo del quotidiano inglese che indica che in caso di vittoria del NO al referendum del 4 dicembre, otto banche italiane (Mps, Banca Popolare di Vicenza, Veneto Banca e le 4 banche: Etruria, Marche, Chieti e Carife) sarebbero a rischio di fallimento. Il conseguente “effetto contagio”, inoltre, potrebbe compromettere la ricapitalizzazione di Unicredit.

continua a leggere