SISTEMI SANITARI A CONFRONTO. INCONTRO IL 2 DICEMBRE IN CGIL

Con un incontro organizzato per venerdì 2 dicembre (presso la sede della Cgil regionale in via Peschiera a Mestre, inizio ore 9) si parlerà di sanità proprio immediatamente a seguito del varo della legge di riforma dell’assetto del sistema sanitario veneto.

L’iniziativa è promossa dalla Cgil del Veneto, dalla Fp Cgil e della Spi regionali, assieme all’Ires Veneto e si apre con la relazione di Paolo Righetti, della Segreteria della Cgil regionale. Segue la presentazione da parte di Camilla Costa (Ires Veneto) di una ricerca in cui vengono analizzate, in modo comparato, le forme di riassetto istituzionale dei sistemi socio sanitari di Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Lombardia.
Al termine del dibattito che ne seguirà è previsto l’intervento di Stefano Cecconi (dipartimento welfare della Cgil nazionale). Il coordinamento dei lavori è affidato a Gino Ferraresso (Spi Cgil Veneto).

Il cuore del problema sollevato dalla Cgil è come coniugare i processi di accentramento e aggregazione in sanità con l’esigibilità e la qualità dei servizi e delle prestazioni.
L’analisi tende quindi a mettere in luce i benefici e i nodi critici generati da questi processi, in atto da decenni ma intensificatisi negli ultimi anni.

Al centro dell’attenzione saranno la legge di riorganizzazione appena approvata in Veneto e una valutazione sul sistema socio sanitario regionale. Per la Cgil l’incontro rappresenta, in questo senso, l’occasione per rilanciare le priorità di intervento che il sindacato veneto ha da tempo proposto in merito allo stato del sistema socio sanitario regionale e alle sue prospettive future.