OPERAIO STRANIERO COLPITO A COLPI DI CARABINA. NO ALLA BARBARIE

Un uomo spara dal terrazzo della propria casa contro un operaio straniero. Lo sconcertante episodio, che ricalca la dinamica del ferimento della bambina rom a Roma, è accaduto a Cassola, nel vicentino.
Secondo quanto riportato dalla stampa, la vittima, di origine capoverdiana e dipendente di una ditta di impianti elettrici, stava lavorando a circa 7 metri di altezza su una pedana mobile quando ha udito un colpo e avvertito un forte dolore alla schiena che ha iniziato a sanguinare.

I carabinieri, subito intervenuti, sono risaliti al punto dello sparo: un terrazzo poco distante dove sono stati trovati alcuni pallini in piombo. Nell’appartamento del proprietario è stata rinvenuta la carabina dalla quale è partito il colpo che ha ferito l’operaio.
L’autore del gesto è stato denunciato per lesioni personali aggravate ed esplosioni pericolose. Ulteriori accertamenti chiariranno i fatti.
Resta la preoccupazione per i ripetuti episodi di cui sono vittime stranieri, assolutamente innocui e colpiti in normalissimi momenti della loro vita.

Sulla vicenda è intervenuto il Segretario Generale della Cgil Veneta, Christian Ferrari.
“Nell’esprimere tutta la nostra solidarietà e vicinanza alla vittima – dice – non possiamo che guardare con grande preoccupazione al clima di odio, di razzismo e di violenza che sta crescendo nel paese. L’ Italia, che ha affrontato periodi anche difficili sempre all’insegna dei valori della democrazia e del rispetto dell’altro, sta rischiando di imbarbarirsi tradendo la sua stessa storia, la sua cultura e le ragioni del vivere comune.
È inaccettabile, come ha detto il Presidente Mattarella, che si cada in una sorta di far west per cui chiunque di punto in bianco possa mettersi a sparare in nome del razzismo e dell’intolleranza.
Faccio appello a tutti i lavoratori e cittadini del Veneto – conclude Ferrari – affinché condannino senza se e senza ma una deriva di questo genere”.

Con le parole chiave , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati