ISPETTORI DEL LAVORO IN CAMPO SAN POLO

Oltre un centinaio di dipendenti dell’ex ispettorato del lavoro provenienti da tutto il veneto hanno manifestato questa mattina a Venezia, davanti alla sede dell’ispettorato regionale in campo San Polo. Al centro della protesta, le criticità in cui versa la struttura che dovrebbe condurre la lotta al lavoro nero e all’illegalità, oggetto di una riforma varata nel 2015 ma tuttora monca, talmente monca da minare l’effettivo esercizio delle funzioni.

continua a leggere

IL 2 DICEMBRE TUTTI A TORINO

“Per cambiare il sistema previdenziale, per sostenere sviluppo e occupazione, per garantire futuro ai giovani” la Cgil ha indetto una mobilitazione nazionale per sabato 2 dicembre.
Sono cinque le manifestazioni a carattere interregionale organizzate all’insegna dello slogan “Pensioni, i conti non tornano!”. Il Veneto parteciperà a quella in programma a Torino, in piazza San Carlo, dove confluiranno lavoratori e pensionati del nord Italia.
Le altre si terranno a Roma in piazza del Popolo, a Bari in piazza Prefettura, a Palermo in piazza Verdi e a Cagliari in piazza Garibaldi.
A concludere tutte le iniziative sarà il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, che alle ore 12.30 prenderà la parola dal palco della Capitale, in collegamento video con le varie città.

continua a leggere

PENSIONI: MOBILITAZIONE IL 2 DICEMBRE

L’ultima proposta avanzata dal premier Gentiloni al tavolo di confronto sulle pensioni è stata bocciata dalla Cgil che ha proclamato una mobilitazione generale territoriale per il prossimo 2 dicembre.
Nel merito del nuovo testo presentato il 21 novembre all’incontro con i sindacati, la Cgil ha confermato il giudizio “di grande insufficienza”.

continua a leggere

BCC: ASSEMBLEA GENERALE E PRESIDIO CONTRO I LICENZIAMENTI

Sospese le trattative e convocazione per il 17 novembre dell’assemblea generale dei lavoratori delle Banche di Credito Cooperativo (BCC) del Veneto con presidio davanti alle sede di Federveneta, a Padova in via Longhin. La giornata di mobilitazione è stata decisa dalle segreterie e dai coordinamenti regionali di Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca a fronte dei licenziamenti effettuati da Federveneta in dispregio alle procedure contrattuali e all’accordo sottoscritto per il salvataggio dell’ex Banca Padovana. Il tutto in un contesto di riforma, tuttora in atto, del Credito Cooperativo che in Veneto interessa 5.000 addetti e 32 istituti di credito oltre alla stessa Federazione Veneta.

continua a leggere

PRECARI DELLA RICERCA IN MANIFESTAZIONE A ROMA

Manifestazione questa mattina a Roma, davanti al ministero della Funzione pubblica, dei precari della ricerca. “Il precariato ha assunto dimensioni drammatiche – spiegano Flc Cgil, Fir Cisl e Uil Rua – a causa di un indiscriminato blocco delle assunzioni e di tagli lineari ai finanziamenti”. Dalla legge di stabilità, attualmente in discussione in Senato, per questo settore sembrano arrivare solo briciole. Lavoratori e sindacato chiedono al Governo di rilanciare il comparto e stabilizzare tutti i precari che lavorano negli enti di ricerca con contratti a termine.

continua a leggere

SCIOPERO DELL’EDILIZIA IL 18 DICEMBRE

Uno sciopero nazionale dell’edilizia è proclamato per il 18 dicembre con al centro la questione contrattuale, oltre ai temi del lavoro, della salute e delle pensioni.
I segretari generali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, Vito Panzarella, Franco Turri e Alessandro Genovesi, rimarcano la situazione di stallo nella trattativa per il rinnovo del contratto. “Avevamo annunciato – dicono – la mobilitazione per novembre qualora le associazioni datoriali non avessero mostrato disponibilità ad un avanzamento nella trattativa. Nel frattempo, abbiamo svolto oltre mille assemblee nei cantieri per spiegare ai lavoratori le nostre proposte e le difficoltà che abbiamo incontrato nel negoziato. Oggi dobbiamo prendere atto che dalle associazioni datoriali non sono giunte reali disponibilità e aperture”.

continua a leggere