LA CGIL SUL DOCUMENTO ECONOMICO FINANZIARIO DELLA REGIONE

La Cgil del Veneto ha presentato un proprio documento di Osservazioni al DEFR, il documento di programmazione economica finanziaria della Regione per il triennio 2019 – 2021.
Il testo predisposto dalla Giunta regionale è stato presentato il 12 giugno al Tavolo di concertazione generale dal vicepresidente della Giunta regionale e Assessore al bilancio Gianluca Forcolin insieme al Segretario Generale della Programmazione.

continua a leggere

SICUREZZA: INCONTRO IN REGIONE. CAMUSSO CON I DELEGATI DELLE ACCIAIERIE

Sarà sciopero regionale di tutto il settore metalmeccanico venerdì 18 maggio a fronte del gravissimo incidente sul lavoro avvenuto alle acciaierie venete e alla più generale situazione relativa alla sicurezza sul lavoro in Veneto, le cui carenze erano da tempo state denunciate dalla categoria.
Intanto il Presidente della Regione, Luca Zaia, ha convocato per lunedì mattina gli “stati generali sulla sicurezza” (con sindacati, imprese, Inail, sanità), come si era impegnato a fare con i Segretari generali di Cgil Cisl Uil del Veneto incontrati a ridosso dell’incidente alla Acciaerie. “Sarà una riunione operativa – ha detto Zaia – per decidere chi deve fare cosa. I fronti su cui lavorare sono molteplici, siamo davanti ad un bollettino di guerra. C’è una recrudescenza, legata anche alla ripresa economica”.

continua a leggere

TROPPI GLI INFORTUNI SUL LAVORO IN VENETO. GIOVANI PARTICOLARMENTE COLPITI

“L’allarme della Cgil. Infortuni, strage di ragazzi” così titola il Corriere del Veneto del primo maggio che riporta un report della Cgil regionale da cui emerge un tragico bilancio (375.000 incidenti e 560 morti) sul fronte della sicurezza. Particolarmente esposti ai rischi i giovani e, ancor più i giovanissimi che pagano anche sul piano della sicurezza il prezzo della precarietà, di una conseguente scarsa formazione e peggiori condizioni di lavoro.

continua a leggere

“IL LAVORO È”, LA CGIL VERSO IL CONGRESSO

È partito il percorso che porterà, a gennaio 2019, al diciottesimo congresso della Cgil. La grande novità del processo democratico che attende il sindacato di Corso d’Italia nei prossimi 9 mesi è il ruolo decisivo che assumeranno le assemblee generali, promosse dall’ultima Conferenza di organizzazione. “Si tratta di organismi dirigenti composti per il 50% più uno dei loro componenti dai delegati sui luoghi di lavoro e dagli attivisti delle Leghe dello Spi. Il compito principale dell’assemblea è quello di eleggere i gruppi dirigenti. Abbiamo deciso di fare un passo avanti, per far sì che il documento congressuale non sia più deciso da una piccola commissione del Comitato direttivo”. A dirlo ai microfoni di RadioArticolo1 è Nino Baseotto, segretario confederale della Cgil, responsabile dell’organizzazione.

continua a leggere

CGIL CISL UIL ALL’EUROPA: RILANCIARE LA COESIONE SOCIALE

Il sindacato italiano incontra il Parlamento europeo con l’obiettivo di presentare le priorità – dal punto di vista del mondo del lavoro – per il prossimo Quadro Finanziario Pluriennale post 2020 e per la relativa politica di coesione.
Le proposte sono contenute in un documento che sarà illustrato dai segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil, Gianna Fracassi, Angelo Colombini e Guglielmo Loy, nell’ambito dell’iniziativa “le priorità del sindacato italiano. Il quadro finanziario pluriennale post 2020 e la politica di coesione europea”.

continua a leggere

SANITÀ: INDAGINE SU COSTI E TEMPI DI ATTESA

Sessantacinque giorni per una visita medica nella sanità pubblica, sette giorni nel privato, con prezzi sempre più vicini. È questo il dato più eclatante emerso dallo studio ‘Osservatorio sui tempi di attesa e sui costi delle prestazioni sanitarie nei sistemi sanitari regionali’, condotto da Crea, e commissionato dalla Funzione Pubblica Cgil insieme alla Fondazione Luoghi Comuni.

continua a leggere