PFAS: CGIL CISL UIL SOLLECITANO LA RIPRESA DEL CONFRONTO

Cgil Cisl Uil del Veneto e di Vicenza chiedono la “tempestiva ripresa del tavolo di confronto unitario” sulla vicenda relativa all’inquinamento da Pfas in un’ampia area del territorio regionale.
Secondo il sindacato il confronto deve portare alla garanzia di una gestione integrata degli interventi e favorire un accordo di programma “per la condivisione delle azioni da intraprendere, anche nell’interlocuzione con il Governo”.

continua a leggere

Intervista del Segretario Generale della Cgil del Veneto al giornale online Timer Magazine

FERRARI (CGIL): IL VENETO PUÒ DIVENTARE LEADER EUROPEO DEL MANIFATTURIERO. BASTA IMMOBILISMO DELLA POLITICA
pubblicato 25 novembre 2017 da Daniela Boresi

di Giorgio Gasco

Ricompaiono le file di camion, scomparse progressivamente negli ultimi dieci anni, da quando il crac della Lehman Brothers ha dato il via alla crisi economica più pesante dopo quella del 1929. Al di là degli indicatori prospettici di Istat, Bankitalia e del governo Gentiloni che fanno ben sperare nella ripresa anche dell’Italia, che qualcosa si stia realmente muovendo lo si vede percorrendo le autostrade italiane, del Nordest in particolare: i mezzi pesanti sono tornati segno che la ripresa, seppure assai lenta, è in atto.

continua a leggere

PORTO MARGHERA: I DELEGATI FIOM A CONFRONTO CON LA POLITICA

“Porto Marghera, area di crisi industriale complessa, tra rischi speculativi e nuove opportunità”. Ne parlano i metalmeccanici della Fiom Cgil con i rappresentanti delle forze politiche in un incontro in programma per venerdì 24 novembre al centro culturale Santa Maria delle Grazie a Mestre.

continua a leggere

GRANDI NAVI: LA FIOM CHE CHIEDE IL CONFRONTO SU MARGHERA

A fronte delle indiscrezioni circa il progetto del Governo (la sua presentazione è annunciata per il 7 novembre, in occasione del Comitatone) di spostare le grandi navi a ridosso delle aree industriali di Marghera, la Fiom Cgil del Veneto e di Venezia esprime il proprio dissenso e chiede l’immediata apertura di un tavolo di confronto su Porto Marghera e le sue prospettive industriali.
Lo fa con una lettera aperta indirizzata alle istituzioni (a tutti i livelli), oltre che alle forze politiche veneziane e nazionali.

continua a leggere

AIA: COME METTERE ASSIEME UNA REALTÀ FORTEMENTE ETEROGENEA

Quali sono i tratti dell’azione sindacale in rapporto alla gestione aziendale in un gruppo complesso come Aia? E quali le leve per promuovere coesione ed unità all’interno di un universo lavorativo che vede una forte presenza di lavoratori immigrati di tutte le etnie, di donne addette a mansioni gravose e ripetitive e di un’alta quota di avventizi? Come accomunare aspettative e interessi in un ambiente così eterogeneo per culture ed atteggiamenti verso il lavoro?
A queste e ad altre domande tenta di rispondere una ricerca promossa dall’Ires Cgil e dalla Flai del Veneto e curata dal sociologo Vladimiro Soli (“lavorare in Aia”, edizioni Ca’ Foscari) condotta sulla base di questionari raccolti tra i 5.700 lavoratori occupati nei 6 stabilimenti veneti del gruppo, oltre che su interviste ad operatori e delegati sindacali.

continua a leggere

PFAS: INCONTRO IN REGIONE MA OCCORRE PIÙ COLLEGIALITÀ

Sulla vicenda della Miteni si è svolto un nuovo incontro in Regione tra l’Assessore regionale all’Ambiente, Paolo Bottacin, e le segreterie venete e vicentine di Cgil Cisl Uil e di Filctem Cgil Femca Cisl Uiltec Uil.
Valutata la situazione, il sindacato chiede una riconvocazione del tavolo che però comprenda anche gli assessorati alla Sanità e al Lavoro, oltre che all’Ambiente, per affrontare nel suo complesso una questione che è indubbiamente complessa. Chiedono anche che per la parte aziendale sia chiamata la capofila del gruppo Icig di cui fa parte Miteni.

continua a leggere